• home • fò di pe • gare • classifiche • fotorisultati • allenamenti •

CORRERE  CON  IL  FREDDO

Questo è il periodo ove il freddo ne fa da padrone, correre con temperature più basse crea dei disagi al nostro organismo soprattutto nella fase iniziale dell'allenamento. E' ovvio che c'è chi è più sensibile al freddo e chi invece riesce a sopportarlo con tranquillità , anzi a volte cerca insistentemente le giornate fredde per allenarsi. E' da fare una distinzione tra correre con una temperatura che oscilla dai 7 ai 12° e correre con temperatura dai 5° in giù anche sotto 0°. Per quanto concerne il primo caso dopo una buona fase di riscaldamento tutto entra nella normalità e si corre tranquillamente senza nessun disagio in particolare, mentre nel secondo caso, quando le temperature sono al di sotto di 5° e intorno allo 0 i disagi sono maggiori e anche un buon riscaldamento non risolve il problema. In linea generale quando fa freddo dobbiamo rispettare delle regole basilari per far si che si possa correre ugualmente senza accusare notevoli disagi:

bullet

Utilizzare dei prodotti (come olio canforato) che diano una sensazione di calore profuso alla muscolatura degli arti inferiori, basta strofinarne un po' sulle gambe prima di iniziare a correre, e da tener presente che è una sensazione esterna, non bisogna pensare che quel calore profuso può sostituire un riscaldamento di corsa lenta di 15'/20';

bullet

Aumentare il tempo del riscaldamento, è auspicabile che il tempo dedicato alla Corsa Lenta iniziale aumenti di almeno 5', se ad esempio siamo abituati a fare normalmente 15' di riscaldamento dovremmo almeno fare 20' di riscaldamento, e intensificare anche l'intensità nell'ultima parte;

bullet

Eseguire esercizi di mobilità articolare, è importante dedicare del tempo a esercizi di mobilità articolare preferibilmente prima di iniziare il riscaldamento vero e proprio, ed à meglio svolgerli al caldo eventualmente prima di uscire di casa;

bullet

Evitare esercizi di stretching, visto e considerato il fatto che lo stretching dovrebbe essere eseguito mantenendo la posizione di allungamento per 30"/1' circa e visto il freddo presente, è auspicabile non eseguire lo stretching nella fase di riscaldamento, ma svolgerlo alla fine dell'allenamento e in ambiente chiuso e riscaldato (palestra o casa);

bullet

Vestirsi a strati, è meglio utilizzare degli indumenti che dopo la fase di riscaldamento dobbiamo togliere per sentirci liberi di correre, ad esempio utilizzare una tuta da sopra con sotto una magliettina tecnica maniche lunghe (se fa troppo freddo) o maniche corte se siamo sui 10/12° , e utilizzare un pantalone tecnico fino al ginocchio o lungo per tenere le gambe ben riscaldate, tutto dipenderà dalla nostra sopportazione del freddo;

bullet

Utilizzare un paio di guanti tecnici, la parte del corpo che difficilmente si riscalda sono le mani, oltre che gli avambracci, quindi è opportuno utilizzare un paio di guanti non di cotone, ma di materiale tecnico che faccia traspirare il sudore, e che siano più leggere e comode possibili;

bullet

Utilizzare manicotti per avambracci, una soluzione comoda che ho potuto provare quando fa freddo è l'utilizzo di manicotti che vengono utilizzati in bici dai ciclisti per ripararsi dal freddo, sono comodissimi perché permettono un buon movimento degli avambracci e riscaldano a sufficienza;

bullet

Utilizzare una fascia copri orecchie, per chi ha la testa rasata è preferibile anche utilizzare il cappellino se proprio siamo freddolosi, altrimenti potrebbe bastare una fascia per coprire le orecchie;

bullet

Evitare pause lunghe, è auspicabile quando fa freddo non effettuare pause completo, se dobbiamo svolgere delle sedute di Interval Training, ove c'è una fase di lavoro e una fase di recupero, cerchiamo sempre di mantenere una certa attività fisica correndo blandamente, ma comunque mai recuperare da fermi;

bullet

Preferire percorsi di campagna, per esperienza personale vivendo sul mare ho potuto constatare che il vento e quindi il freddo si percepisce maggiormente correndo vicino al mare che in campagna perché è sempre più riparato;

bullet

Correre in gruppo, in questo periodo dell'anno, sia per la malinconia delle giornate "Buie" e sia per il freddo è preferibile correre in compagnia, perché in gruppo alternandosi a chi porta l'andatura si soffre meno il freddo, e si corre meglio e più a lungo;

bullet

Non utilizzare kway maniche lunghe, evitare di utilizzare il giubbotto a vento perché comunque dopo qualche chilometro la temperatura interna aumenta e la capacità di termoregolazione del nostro organismo deve funzionare al meglio, se utilizziamo il kway la temperatura aumenta più del previsto creando dei disagi, se proprio c'è molto vento meglio il kway senza maniche;

bullet

Allenarsi in palestra, se le temperature fredde sono accompagnate anche da forte vento è auspicabile allenarsi in palestra, sia perché possiamo allenarci come vogliamo non disturbati dal vento e sia perché soffriremmo troppo il freddo.

bullet

Corto ma veloce, se mentre usciamo a correre piove, c'è vento e fa freddo, la cosa migliore è cercare di svolgere un allenamento veloce, ma breve per evitare di inzupparci d'acqua e soffrire ulteriormente il freddo visto gli abiti bagnati che ci ritroveremmo dopo qualche chilometro.

Questi sono solo alcuni accorgimenti che potreste attuare nel momento in cui andate a correre e fa freddo com'è possibile in questo periodo. Ma in linea generale valutate bene se fa veramente freddo, o se è una percezione e sensazione iniziale appena usciti di casa, perché potreste coprirvi eccessivamente e poi cammin facendo notereste delle difficoltà nel correre perché forse la temperatura interna sale eccessivamente e vi crea dei disagi.

A parte il freddo, cercate di non spaventarvi troppo, armatevi di pazienza e abbigliamento idoneo e vedrete che si può correre piacevolmente anche con temperature sotto lo zero.      Buona corsa!

                                                                    PROF.  IGNAZIO  ANTONACCI