• home • fò di pe • gare • classifiche • fotorisultati • allenamenti •

TEST  DEL  LATTATO  E  PRESTAZIONE

In ogni campo che sia medico, o sportivo, la valutazione funzionale è fondamentale per conoscere le caratteristiche del soggetto che si prende in esame. Un podista, amatore e non, per cominciare deve avere le idee chiare sulla sua “cilindrata” , e quindi sulla condizione fisica in generale, per evitare di trasmettere all’organismo stimoli poco allenanti, o troppo intensi e quindi dannosi per la salute fisica. La valutazione funzionale del soggetto può avvenire mediante test da campo empirici, molto pratici, come il Test Conconi (vedi newsletter “Test Conconi”), o da test più scientifici, e per questo considerati più nel campo della fisiologia dello sport, che nel campo dell’allenamento. L’articolo nasce da un’esperienza recente al Marathon Center di Gabriele Rosa , ove ho eseguito il Test del Lattato grazie all’operato del Dott.Huber Rossi. Il lattato ematico (acido lattico) è il più importante riferimento metabolico a disposizione della scienza dell’allenamento per valutare la prestazione di un soggetto. In linea generale si può affermare che un podista corre più velocemente e più a lungo se riesce a creare nel proprio organismo quelli adattamenti biochimici che gli permettono di produrre e smaltire notevoli quantità di acido lattico ematico. Per determinare il lattato ematico presente nel muscolo si possono utilizzare diverse metodiche, o procedure; è possibile sia con metodo cruento, biopsia muscolare, o con l’applicazione di sensori ai muscoli, ma quello più usato perché più pratico e poco invasivo è il prelievo di piccole goccioline di sangue capillare dal lobo dell’orecchio o dal polpastrello. Un errore a cui si puo' andare facilmente incontro, è l'inquinamento da sudore, che contiene anche grandi quantità di ac. lattico, per cui è importante procedere ad una accurata detersione della zona prima della raccolta ematica.

Quali test funzionali per verificare la concentrazione di lattato nel sangue?

I test funzionali da campo per poter valutare la concentrazione di acido lattico nei muscoli sono diversi, e ognuno li propone in base alla praticità e utilità del momento. In linea generale si può affermare che devono essere svolti in condizioni di riposo, non aver svolto allenamenti impegnativi da almeno due giorni, e rispettare sempre le stesse condizioni. Vediamo alcuni esempi di Test per valutare il Lattato Ematico.

Test Faraggiana – Gigliotti

Si tratta di correre una serie di cinque 2000 metri (a velocità costante!), ognuno dei quali a una velocità di 5"/km inferiore con 30" di recupero fra una prova e l'altra. Alla fine della prova viene prelevato un po' di sangue (dal lobo dell'orecchio o dal polpastrello) e con apposita strumentazione si misura la concentrazione di lattato. La distanza di 2000 metri è ottimale perché consente già di avere un buon equilibrio metabolico e consente di avere almeno 5 ripetizioni. Inoltre un 5x2000 è un allenamento decisamente inseribile in ogni programma. Il primo 2000 deve essere corso a una velocità superiore di 20"/km a quella che si suppone l'atleta riesca a tenere nella maratona. Analizzando la curva che si ottiene si vede che il lattato resta costante fino a una certa velocità, poi inizia a salire. Al di là di ogni altra elaborazione, il test è importante soprattutto per il maratoneta. Le indicazioni pratiche che possiamo ottenere dall’analisi dei risultati del test del lattato : la massima velocità a cui la concentrazione di lattato resta costante è quella a cui l'atleta può correre la maratona.

TEST INCREMENTALE DI SOGLI A AEROBICA/ANAEROBICA (www.marathoncenter.it )

Il test permette di valutare le frequenze cardiache e le velocità di soglia aerobica e anaerobica, tali dati ci consentono di impostare ritmi di allenamento specifici evitando di disperdere tempo e energie in lavori poco proficui o deleteri.

Protocollo: test su treadmill (tapis roulant), cyclette o altri ergometri in base allo sport scelto, in cui si incrementa l’intensità (km/h, watts, ecc…) ogni 3/4min analizzando l’acido lattico e monitorando la frequenza cardiaca durante tutto il test.

Per capire meglio quello che accade nella valutazione dell’atleta con il test Incrementale , prendiamo il test che ho svolto il 30 Gennaio, è stato prelevato sangue capillare, dopo una fase di riscaldamento, ogni 4’. La prima valutazione è stata effettuata a una velocità di 12km/h ove il valore dell’acido lattico ematico era di 0,9ml/moli; la seconda valutazione a una velocità di 13,5km/h con valore dell’acido lattico ematico di 1,4ml/moli; la terza valutazione a una velocità di 15km/h con valore dell’acido lattico ematico di 2,4ml/moli; e l’ultima valutazione a una velocità di 16,5km/h con un valore dell’acido lattico ematico di 4,9ml/moli.

Tabella riassuntiva

STEP

PEND

Vkm/h

FCbpm

AL mmol/l

Time

1

-1

10

133

 

6'

2

-1

12

153

0,9

4'

3

-1

13,5

169

1,4

4'

4

-1

15

181

2,4

4'

5

-1

16,5

189

4,9

4'

 Dalla valutazione svolta ho ottenuto delle indicazioni inerenti le soglie di allenamento (vedi tabella) :

 

SA 2mM

Bpm

VKm/h

T.km

 

176

14,4

4'10

SAN 4mM

Bpm

VKm/h

T.km

 

186

16,5

3'40

Soglia aerobica a una velocità di 14,4 km/h (4’10 al km)Soglia anaerobica a una velocità di 16,5km/h (3’40 al km). (vedi tabella)

 

Oltre a conoscere le soglie di lavoro ho ottenuto notevoli indicazioni dal punto di vista pratico nella gestione e organizzazione degli allenamenti quotidiani, queste indicazioni pratiche sono di seguito menzionate:

ZONA 1"molto leggera"

ZONA 2 "Leggera"

ZONA 3 " Moderata"

ZONA 4 " Intenso"

ZONA 5 "Massimale"

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

da

a

da

a

da

a

da

a

 

 

146

156

156

166

166

180

180

189

sopra

189

79%

84%

84%

90%

90%

97%

97%

102%

 

102%

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

OBIETTIVO e UTILITA'

OBIETTIVO e UTILITA'

OBIETTIVO e UTILITA'

OBIETTIVO e UTILITA'

OBIETTIVO e UTILITA'

Zona lipidica

zona lipidica

zona aer/glucidica

Limite zona aerobica

limite zona aer/anae

Risc/Def

 

perdere peso

zona limite mezza m

10 - 15km gara

zona molto intensa

Recupero

 

zona lunga durata

zona all medio/progr

all media e breve dur

zona 5/10km

durata 5 / 15'

base aerobica /RM

ripetute lunghe

corto veloce/rip-medie

all rip brevi

 

 

 

Durata sup 40'

durata 20' 1h30'

durata 15-30'

durata 8' - 20'

 

A differenza del Test Conconi anch’esso valido dal punto di vista pratica, il Test del Lattato dà risultati più precisi e scientifici per valutare la nostra condizione fisica.

La domanda pratica a questo punto nasce spontanea :

Come ritardare (grazie all’allenamento ) il rischio di “crisi” durante le gare?
Per fare in modo che l’accumulo di acido lattico “critico” si presenti nei muscoli il più tardi possibile è necessario utilizzare tipologie di allenamenti che favoriscono:

l’allontanamento attivo dell’acido lattico (ioni H) nei muscoli;

la fuoriuscita per semplice diffusione di ioni H;

l’aumento della capacità di tampone nelle fibre.

(Fonte originale: Enrico Arcelli)

Gli allenamenti più idonei a tale scopo sono quelli che consistono nel lavoro ad alta intensità per migliorare la capacità lattacida, lavori dunque che portano a produzioni di notevoli quantità di lattato. In questo modo l’organismo si adatterà non solo a produrre e utilizzare notevoli quantità di acido lattico, ma anche a smaltirlo più velocemente possibile. Da qui l’utilità non solo di allenarsi a intensità elevate , ma anche a utilizzare recuperi brevi.

I mezzi di allenamento idonei per tale scopo sono:

◊ Ripetute brevi (100/500mt) sia in pianura che in salita;

◊ Ripetute medie (500/1000mt) sia in pianura che in salita;

◊ Ripetute lunghe (2000/7000mt) sia in pianura che in salita.

Di queste tipologie di allenamento è opportuno programmarne una a settimana, o al massimo una seduta di ripetute brevi e una seduta di ripetute lunghe o medie, dando almeno 2/3 giorni di riposo tra una seduta e l’altra per rigenerare l’organismo.

Se non si ha l’opportunità di effettuare il Test del Lattato con prelievo diretto del sangue capillare , per valutare la propria soglia anaerobica è possibile empiricamente eseguire (oltre che al test conconi) un allenamento di 5 x 2000mt e calcolare la media ritmo delle ripetute svolte, con la media della frequenza cardiaca delle singole ripetute. Otterremo la velocità di soglia anaerobica con la FC alla soglia.