• home • f di pe • gare • classifiche • fotorisultati • allenamenti •

BORMIO  STELVIO  E  STRALIVIGNO

Ecco il mio intervento per parlarvi in maniera poco Ortodossa di corsa con i piedi e di due importanti e affascinati Gare entrambe in alta Valtellina.

La Mapei Bormio Stelvio 2009 www.mapeiday.com  il 12 luglio stata baciata da un avido sole, la peculiarit di questa gara visto il titolo e il Main Sponsor l'aperta volont di far incontrare, "Veramente di Mixare" due Popoli: I Ciclisti e i Podisti sulla stessa Strada. Una strada, questi 21 km, che per noi Runners impraticabile, off limits, chiusa per tutto l'anno. Viene invece aperta 2 volte, per questo evento e poi solo per la classica tappa del Giro D'Italia. C qualcosa di emozionante in questa, che diciamolo, una gara "Unica e Rara" ( e purtroppo un pochino Fighetta). Tutto organizzato perfettamente, tutto quasi pi che svizzero. Sai qu ci tengono a fare bella figura, tutto lindo, liscio, perfetto, che se gli dici Bravi qu si offendono. (Peccato che c qualche Coglione, dicono, che vorrebbe mettere il biglietto di entrata a queste valli, ma ne parler pi avanti..) E sopratutto "Peccato" per gli Alberghi Stracari! in questo si fighetti, perch si f una selezione del Turismo e dei Runners pesante, che sai per, essendo la Zona Termale, quella di Bormio e Comprensorio, loro hanno il paradiso del relax tra sauna, bagni turchi, impianti termali, per fortuna anche comunali, se vuoi risparmiare proprio belli e interessanti.  Il percorso di questa Mezza tutto in salita (impegnativo), qui si v da pendenze medie, che variano dal 10 al 18%, ed tutto su asfalto, mi sembra, li ho contati, ci siano qualcosa come 50 tornanti e curve passo dopo passo, tutte impegnative tutte a salire.  Un paesaggio che parte a Piedimonte in piazza a Bormio 1300 metri per salire fino al Passo a 2758 metri. Non una corsa impossibile, se c l'ha fatta un tapascione come me, tutti ce la possono fare.  Ma da fare con rispetto.  Un ascesa da Bormio con partenza in piazza, prima i Ciclisti Diversamente Abili e Cicloni e alle 9 15 noi Runners Master e di loro Runners professionisti.  A seguire partenze scaglionate, dopo 15 minuti delle Cicliste e 20 Minuti dei ciclisti. Ecco quello che veramente mi ha colpito di pi che non c' gara in Italia che avvicina i due mondi, essere l nello sforzo e vedersi superare, da queste donne e uomini Ciclisti e non sentirsi offesi in competizione, ma anzi guardare le Fantastiche Biciclette, le sgargianti divise e la regolare pedalata e andatura, una postura e una muscolatura diversa.  Ma l, accumunati nello stesso sforzo, insomma per una volta Ci si Parla senza parlarsi, ci si capisce perch si f la stessa fatica e si patisce Insieme. Come diceva la mia mamma in Bergamasco: De cap capese, e le de pat che patese. Ovvero per capire capisco, ma di patimenti ovvero di sforzi e rinunce che veramente capisco ovvero cresco.  Ecco questa la vera essenza della Gara, capire, respirare e farsi rapire da questo paesaggio affascinante, dai Pini al passaggio lunare che ci accoglie superati i 2000 Metri, per arrivare al traguardo su in cima e dire cazzo ma io questo posto l'ho gi visto? Certo in televisone al giro d'Italia, Pirletti di un Ongaretti..!!

Stralivigno www.stralivigno.it  Questa non una gara fotocopia della precedente, anzi molto diversa, piena di Atleti veri, che fanno rifinitura annule e di atleti d'altura. Insomma ancora una volta sono capitato male? O ho semplicemente sbagliato sport? Li vedi questi stambecchi di colore, magri muscolari rapidi. No scherzo dai .. perch non ci posso essere , perch non esserci? La valle quella parallela allo Stelvio, ma qui alla sua sommit c un bellissimo lago. "Sembrerebbe Un Anello aim Penso..!!" La gara appunto una 21 km con il Chip veloce se riesci a Tenere.. ( non il mio caso, che mi fermo spesso a guardar fiori e pensieri ..) Ma tutta Trail praticamente fuori strada, e la mattina qui ha appena spiovuto per cui c fango, non c un metro d'asfalto tutto sterrato e sentieri dove in circa 2000 atleti e atlete spesso si st muti e in fila, e se l'affronti male ti spezza. Subito in partenza a Piazza Placheda ti fanno capire di cosa trattasi: i primi 3 km ti dicono, che non c nulla da scerzare qua! la pendenza supera spesso il 25% per questo inizio e qui non c n, si cammina e si ansima anche per l'altura. Poi si scende, si rifiata fino a circa il 10 km. Sei nei boschi sopra Livigno per curvare e lambire il lago e rientrare su una bellisima ciclabile parralela al torrente Spol, dove spesso appunto si allenano i Keniani e gli Etiopi e gli italiani che li Mutuano. Al 15 km di fronte a te  ci st il passo della Forcola e l'immenso Bernina e al, altro sbalzo violento, si ridiscende, ed al, se turna indre .. vedi il paese e pensi finita.. e proprio al 18 km quando vedi l'ultimo ristoro, la protezione civile e le Moto Trail l parcheggiate, capisci che il conto non torna e accidenti perch si risale?... vai ..un ultimo pesantissimo strappo, dove sali con i gomiti .. Ecco a pensare a queste due gare, a me non viene da pensare al tempo, in quanto l'ho fatto, dove mi sono classificato? Se mi sono migliorato? Penso, e a me, scusate viene cos. Con Chi ho parlato chi ho conosciuto? chi era quella ragazza di Bergamo che f la triatleta che f sempre il fosso e mi ha lasciato li come un babbo? chi era quello che ha fatto tutta la gara con me, con la macchina fotografica, della Michetta atletica di Milano, che correva all'indietro per far foto e non la smetteva un secondo di cacciarti la battuta? Ma Perch ci sono ancora dei Coglioni che vogliono mettere il biglietto e le frontiere? Come dicevano gli "Arpioni" macch Padania? La Svizzera dall'alto dei loro Cantoni ci prende per il Culo, la loro una vera Confederazione Elvetica, perch ad un certo punto nella Vita si sono stancati di massacrarsi per il Papa, per Lutero e per il Re. Dico biglietto tra Bergamo e Sondrio, tra valle e valle, tra lingua e culture, si dice che c troppo traffico ed vero, si dice che gli animali sono spariti e non si vedono, ed vero. Ma qui si sono passati pi Eserciti e Guerre dal 500 avanti Cristo come mai in altro posto su tutto il pianeta, a partire dai Romani, s quelli di Cesare, poi gli Unni, Visigoti, Normanni, Germani e chi pi ne ha pi ne metta. Due Guerre Mondiali dove ci siamo massacrati gli uni con gli altri e se ci fai caso queste lande, sono ancora piene zeppe di linee di difese, trincee e poi negli anni 60 in queste due valli e quelle vicine, colate di cemento, lo Sci inteso come business, il turismo, il relax. Ecco non facciamo i retrogradi, questa un autostrada e qui le Marmotte stanno rintanate e accorte nella speranza che l'uomo non sporchi pi e non faccia pi disastri, perch questa cosa si respira, io la percepisco nel mio correre. A forza di metter dazi e frontiere e far guadagnare solo qualcuno, mi impongono tutt'altro pensiero e tutt'altra riflessione. Io sono un f di pe, faccio monti, passo vallate, cerco ponti che uniscano, tornanti e curve che mi facciano pensare a "Tutti I miei Sbagli" come dicono i "Subsonica" e strade che mi facciano stare in pace con me stesso e mi facciano conoscere e scoprire questo e sopratutto quell' altro e possibilmente non sporcare non fare danni, come cercano nel loro fare lo s, la maggioranza di Atleti ed Atlete che ho visto correre in questi giorni.   Buone corse e buon rientro.  

Ongaretti