HOME     GARE     NOTIZIE DELLA SETTIMANA     FOTO DELLA SETTIMANA

notizie  gare  settimana  39

23 - 24/09/2006
Campionato europeo di 24 ore in pista - S. Giovanni Lupatoto - Verona                                               
Vittoria al Russo Vladimir Bychkov con 254 km      classifica completa

I titoli continentali sono stati conquistati, come da previsione, da due specialisti russi, Vladimir Bychkov (254,774 km) e Irina Koval (229,452 km). Le altre medaglie del podio sono andate al belga Geert Stynen (248,642 km) tra gli uomini  e  alla ceka  Michaela Dimitriadu  (225,228 km)  e  all’ungherese Edit Berces (211,218 km), quest’ultima attuale detentrice del primato mondiale femminile con oltre 250 km.    L’azzurro  Antonio Mammoli,  46enne  imprenditore toscano  di  Prato, ha conquistato la prima medaglia, quella di bronzo, dell’Italia, in questa disciplina della  24 ore. Mammoli in un giorno intero  di  corsa  ha percorso oltre 588 giri di pista, pari  a  248,440 km, con il rammarico di non riuscire a  superare  il  limite  italiano  della  specialità  per  quasi  500 metri,record che resiste dal lontano 1977. La squadra nazionale italiana maschile è stata completata da Sergio Orsi con 224,365 km (10°),Gastone Barichello,veneto di Marostica, con 196,453 km (18°); tra le donne, la milanese Lorena Di Vito con 193,622 km (6^) e la bolzanina Monika Moling con 182,419 km (8^).Il pensiero di Stefano Scevaroli: “Siamo onorati di avere ospitato i migliori atleti delle 17 nazioni del Vecchio Continente. Ma siamo  più orgogliosi che un atleta azzurro abbia conseguito una medaglia  storica per l’Italia  nella nostra manifestazione.

---------------------------------------------------------------------------------------------------

23/09/2006
Corrida di S. Gerolamo - Torre de Roveri                                                                                                  
Ennesima vittoria di Emanuele Zenucchi                  classifica completa                                       

Amatori maschile : 1° Emanuele Zenucchi; 2° Igor Rizzi; 3° Franco Togni

Amatori femminile : 1^ Elisabetta Colzani; 2^ Santina Picenni; 3^ Fabiola Calsana

---------------------------------------------------------------------------------------------------

23/09/2006
Maratona del Mugello - Borgo S. Lorenzo - Firenze                                                                       
Roberto Barbi: e sei!   Terza vittoria consecutiva per Deborah Tortora    classifica completaClicca per immagine full size
Franco Anichini  articolo tratto da  www.Podistidoc.it

Roberto Barbi è tornato alla vittoria dopo otto anni nella maratona del Mugello, che si è disputata sabato con partenza ed arrivo a Borgo San Lorenzo.
Alla partenza la vittoria di Roberto non era affatto scontata, vista la presenza del keniano Jacob Kipleting, recente vincitore al Piceno, e di Marco d’Innocenti, ma il già cinque volte vincitore voleva decisamente portare a sei vittorie il suo bottino e non ha posto tempo in mezzo per chiarire il concetto. Dunque Barbi subito in testa, sui primi severi saliscendi di questo percorso taglia-gambe: al chilometri 10, dalle parti di Scarperia, aveva già due minuti di vantaggio sul keniano, che erano diventati otto al primo passaggio da Borgo S.Lorenzo, per poi stabilizzarsi all’arrivo. Nel finale Barbi ha pagato il caldo, il traffico ed anche l’ambizione di battere il record del percorso (già suo). Quest’ultima impresa non gli è riuscita, sia per le condizioni della corsa che per alcune variazioni che hanno reso ancora più duro un percorso già severo.
Al traguardo Barbi chiudeva in 2:21.21, precedendo nettamente Jacob Kipleting e Marco D’Innocenti. In campo femminile terza vittoria consecutiva per Deborah Tortora, davanti all’ungherese Judith Eiserle che in volata precedeva Daniela Duranti, in rimonta negli ultimi chilometri.
Dopo l’arrivo scambiamo due battute col vincitore, che ci rivela la sua volontà di affrontare una nuova sfida: quella della 100 chilometri del Passatore. Se son fiori…
Anche Marco d’Innocenti si concede volentieri al chiaccherar di corse, anche se nel suo caso la notizia della rinuncia al campionato mondiale dei 100km ci rattrista, ancor più perché motivata da un serio problema familiare. Forza Marco, tante corse ancora ti aspettano vincitore!
Alla spicciolata arrivano poi… quasi tutti gli 834 iscritti, alcuni dei quali, per la verità, hanno preferito dirottare sul traguardo intermedio dei 26 chilometri.

---------------------------------------------------------------------------------------------------

24/09/2006
Maratonina del Garda            
                                                                            
                     Vittoria di Philemon Kirwa Tarbei        classifica completaClicca per immagine full size

Ennesima vittoria Keniana nella maratonina del Garda che ha visto ai nastri di partenza oltre 500 concorrenti. Prima posizione per Philemon Kirwa Tarbei con 1h 04' 04'', 2° Mohamed Laqouahi con 1h 05' 19'' seguito da Patrik Ndayisengaa con 1h 05' 21''. Alfredo Cosentino 10° con 1h 06' 49'', Emanuele Zenucchi  14° con 1h 08' 42'' ( vincitore il giorno prima a Torre de Roveri ) e Cristian Terzi 16° con 1h 09' 18''.  Paola Ventrella vince la classifica femminile in 1h 16' 46'', 2^ Elenaa Morstofolini in 1h 17' 07'' e 3^ Marina Zanardi in 1h 19' 04''.

---------------------------------------------------------------------------------------------------

24/09/2006
Maratonina di Udine            
                                                                                                 Grande tempo del Keniano Evans Cheriuot        classifica completa
Il keniano Evans Cheriuot, ha vinto la Mezzamaratona di Udine, sul circuito intorno al centro storico. Cheruiot ha vinto in 1h00'18'', battendo in volata il connazionale Paul Kirui e 3° William Todoo che ha bloccato il cronometro a 1 ora e 33’’..  Niente podio invece per il grande favorito, Felix Limo, giunto ottavo con 1 ora 3’27’’, ma che vanta il primo posto nella maratona primaverile di Londra.            Bisogna arrivare alla posizione numero nove per festeggiare il tricolore. Francesco Ingargiola, classe 1973, ha fermato il cronometro a 1 ora 4’44’’. Il secondo italiano classificato è Alberico Di Cecco, giunto decimo con 1 ora 4’46’’, mentre la terza posizione spetta a Liberato Pellecchia approdato al dodicesimo posto con 1 ora 7’45’’.
In campo femminile la fortissima Aniko Kalovics ha tagliato il traguardo per prima con il tempo di 1 ora 10’30’’. L’ex nuotatrice, amante del triathlon, è riuscita a salire sul podio più alto nonostante l’attacco di mal di stomaco di cui ha sofferto durante la gara. Secondo posto per l’italiana Rosalba Console (1 ora 11’54’’),mentre la terza medaglia è stata assegnata ancora a un’ungherese, Simone Staicu (1 ora 14’02’’)

---------------------------------------------------------------------------------------------------

24/09/2006
Milano Pavia                                                                                                                                         
           Vince Fabrizio Pellizzoni        classifica completa                                                                                                                                     Domenica 24 settembre, nella Milano - Pavia. Vittoria per Fabrizio Pellizzoni con 1h 54' 28'', al secondo posto Marco Redaelli, 1h 57' 25''. Nella classifica femminile Cristina Lena vince con 2h 17' 47'' su Elena Riva, 2h 19' 28''. Per i fò cagio 1° di categoria ed ottima 6^ posizione finale con 2h 01' 35''. Altre buone prestazioni di voglio, 38° con  2h 15' 13''  e  gigione, 63° con  2h 20' 25''.

---------------------------------------------------------------------------------------------------

24/09/2006
Turin Marathon - Torino                                                                                                                                    
Tripletta Keniana         COMUNICATO STAMPA TURIN MARATHON                       classifica completa                           

Grandi emozioni per la Turin Marathon del Ventennale, corsa oggi, domenica 24 settembre 2006, a Torino.

Quella fantasia nell’andamento della gara, preannunciata nei giorni prima della gara, si è realizzata sulle strade torinesi. Nessun atleta aveva le carte per dirsi favorito, ma qualcuno ha dimostrato un talento finora espresso solo in allenamento, vista una sua sola precedente presenza in una maratona (Thessaloniki). Si tratta di Stephen Kibiwot, originario di Iten nella Rift Valley in Kenia. Ha dimostrato immediatamente un’ottima capacità di interpretazione della gara e, intorno al 37° km, dopo aver reagito bene ad un attacco di Henry Kapkyai, fino a quel momento al comando, dopo essere stato trainato lodevolmente dalle lepri, ha sferrato l’attacco definitivo, mosso dal desiderio – di lasciae Kapkyai alle spalle – come ha dichiarato lui dopo il traguardo.

Questa mossa l’ha portato a tagliare la finish line in 2h10’10’’, seguito dal connazionale Henry Kapkyai, che con il tempo di 2h10’43’’ ha fissato il suo record personale. Al terzo posto una sorpresa, una delle due lepri, Eliap Kurgat che, al 32° km, sentendosi in forma per concludere la gara, ha continuato e ha pensato che nella peggiore delle situazioni sarebbe potuto arrivare terzo o quarto. Così è stato, al traguardo è arrivato in 2h 11’45’’.                                                                                                                                                             In campo femminile le due preannunciate protagoniste, Beatrice Omwanza e Olesya Nurgalieva, non hanno dimostrato, per vari motivi, di essere in piena forma per dimostrare la loro qualità. La keniana si è ritirata nella prima metà di gara, rallentando il suo ritmo fin dai primi chilometri, mentre la russa si è fatta sorprendere da Jane Ekimat, molto soddisfatta dell’inaspettato risultato (2h32’18’’), ma allo stesso tempo dispiaciuta di aver rovinato la festa alla russa. Al secondo posto Olesya Nurgalieva, che ha concluso con  2’55’’ di distacco dalla Ekimat e al terzo l’etiope Waynishet  Girma Tafa in 2h38’30’’.

---------------------------------------------------------------------------------------------------

24/09/2006
Maratona delle 3 province - Saronno                                                                                                           
Vittoria di Migidio Bourifa                                classifica completa                                                                           Doppio girio per la prima edizione della maratona delle 3 province. Vittoria del Bergamasco Migidio Bourifa con 2h 22' 10''. Al secondo posto Daniele Caimmi in 2h 22' 17'' e terzo Stefano Demuru in 2h 47' 43''.

---------------------------------------------------------------------------------------------------                     

24/09/2006
Trofeo sentiero Valtellina - Morbegno                                                                                                 
Vincono Guido Cassina e Leandro Sgrò              classifica completa                                       

Maratona  : 1° Guido Cassina; 2° Andrea Marconi; 3° Angelo Taboni

Maratonina : 1° Leandro Sgrò; 2° Adriano Scarì; 3° Sergio De Meo

---------------------------------------------------------------------------------------------------

24/09/2006
3° Trofeo Monte Tesoro                                                                                                                          
Ancora una vittoria di Massimo Colombo          classifica completa   

---------------------------------------------------------------------------------------------------

24/09/2006
Maratona di Berlino                                                                                                                                           
Gebrselassie, miglior tempo dell'anno con 2h 05' 56''                                                                               Silvia Lovati articolo tratto da atleticanet

(AGM-DS) - L`etiope Haile Gebrselassie ha vinto nettamente la Maratona di Berlino, ma gli e` sfuggito il record mondiale. L`atleta africano ha dovuto correre da solo per circa 30 chilometri, e nessuno ha potuto insidiare il suo primato, fino a quando, sotto la Porta di Brandeburgo, ha chiuso con un tempo di 2h05`56``. Il cronometro ha quindi registrato il miglior risultato dell`anno e anche il miglior personale di Gebrselassie. Secondo è giunto il connazionale Gudisa Shentema (2h10'43"), terzo il giapponese Kurao Umeki (2h13'43")Quello che è successo fino agli ultimi chilometri di gara, lasciava presagire la volontà, da parte del vincitore, di abbattere il record mondiale dei 42km (2'04"55) appartenente dal 2003 al keniano Paul Tergat. Ciò non è accaduto, ma Haile Gebreselassie si è aggiudicato la 33^ Maratona di Berlino con un tempo superiore al record di appena un minuto e un secondo, registrando il crono di 2'05"56. Tutta la gara è stata illuminata dal sole, garantendo però una temperatura oscillante tra i 16 e i 20 gradi, pressochè ideale per questo tipo di competizioni; di fronte a circa un milione di spettatori, si sono presentati alla partenza ben 31,472 corridori, provenienti da 105 nazioni.
L'opportunità di abbattere il record è svanita nel tratto finale, tra il 35° ed il 40° chilometro. Con un ritardo di 22 secondi accumulato negli ultimi tratti del percorso, era impossibile recuperare, anche perchè pare che il piccolo etiope fosse in difficoltà a causa di piccole noie fisiche.
Tuttavia, il tempo costituisce anche il suo personal best, dato che prima vantava una migliore prestazione personale col tempo di 2'06"20, ottenuto un anno fa ad Amsterdam, dove, allo stesso modo, aveva perso una buona occasione per dare l'assalto al record mondiale di Tergat. A Berlino, due fattori lo hanno sfavorito: come ad Amsterdam, ha corso gli ultimi 14 chilometri da solo, mentre Tergat era stato tirato fino al 41° chilometro, ed ha dovuto fare i conti anche con un vento non indifferente, che poteva creare problemi.
Egli stesso infatti, dopo la gara, ha detto: “Va bene così. Se avessi battuto il record di Tergat, sarebbe stato fantastico, ma va bene lo stesso. La temperatura era perfetta, solo il vento ha dato un po’ di fastidio perché man mano che si andava avanti con la gara, proveniva da direzioni diverse. Ma è stato fantastico, sono felice. Qui non c’era nessuno a darmi il ritmo, ma un giorno abbatterò il record del mondo, ne sono sicuro”.
Korir, il più veloce della storia dopo Tergat sulla distanza, era ieri il principale rivale di Gebreselassie. Tuttavia, non è riuscito ad impensierirlo, dato che, malgrado l'ottima partenza, è stato costretto al ritiro. Le difficoltà dell'etiope sono cominciate anche dopo il ritiro dei corridori che tenevano alto il ritmo della gara, i keniani Jason Mbote e James Kwambai, rispettivamente al 25° e 28° chilometro.
Quindi, a due anni di distanza dal preannunciato ritiro dopo le Olimpiadi di Pechino, Haile Gebrselassie sogna di eguagliare e, perchè no, superare i 23 record mondiali dell'immortale "finlandese volante", Paavo Nurmi. Per ora è fermo a quota 21.
I gradini più bassi del podio sono andati al connazionale Gudisa Shentema (2’10”43) e al giapponese Kurao Umeki (2’13”43).
Come nella corsa maschile, in quella femminile il duello tra potenza etiope e keniana si è interrotto al 19° chilometro, quando Saline Kosgei ha lasciato la gara, dando via libera a Gete Wami.
MEN:
1  Haile GEBRSELASSIE          ETH  2:05:56
2  Shentama KUDAMA             ETH  2:10:43
3  Kurao UMEKI                 JPN  2:13:43
4  Terefe YAE                  ETH  2:15:05
5  Ahmed EZZOBAYRY             FRA  2:15:29
6  Driss EL HIMER              FRA  2:16:44
7  Ombeche MOKAMBA             KEN  2:17:34
8  Jackson KOECH               KEN  2:17:42
9  Abel KIRUI                  KEN  2:17:47
10 Buzinggo DONATIEN           BUR  2:19:25
 
WOMEN:
1  Gete WAMI                   ETH  2:21:34
2  Salina KOSGEI               KEN  2:23:22
3  Monica DRYBULSKA            POL  2:30:12
4  Asha GIGI                   ETH  2:32:32
5  Marcia NARLOCH              BRA  2:35:28
6  Melanie KRAUS               GER  2:35:37
7  Shitaye GEMECHU             ETH  2:35:56
8  Adanech ZEKIROS             ETH  2:36:48
9  Mounia ABOULACHEN           BEL  2:38:55
10 Alem ASHEBIR                ETH  2:41:27
---------------------------------------------------------------------------------------------------

24 SEPTEMBER 2006: SCOTIABANK TORONTO WATERFRONT MARATHON AND HALF, CANADA

Il Keniano Daniel Rono vince con il tempo di 2h 10' 15'' e la Polacca  Malgorzata Sobanska ottiene il nuovo primato femminile della gara con 2h 34' 32''.

MEN:
1  Daniel RONO                 KEN  2:10:15
2  Abderrahime BOURAMDANE      MOR  2:10:41
3  Peter N MUTHAMA             KEN  2:14:21
4  Festus KIOKO                KEN  2:15:11
5  Laban MOIBEN                KEN  2:16:46
6  Simon BOR                   KEN  2:16:48
7  Samson RAMADHANI            TAN  2:17:20
8  Gualberto VARGAS            MEX  2:17:22
9  Rito REGULES                MEX  2:18:51
10 Hamou MOUDOUJI              MOR  2:19:13
 
WOMEN:
1  Malgorzata SOBANSKA         POL  2:34:32
2  Elizabeth CHEMWENO          KEN  2:37:41
3  Jessica RODRIGUES           MEX  2:41:29
4  Viktoria KLIMINA            RUS  2:43:36
5  Tania JONES                 CAN  2:44:21
6  Beth EBURNE                 GBR  2:48:24
7  Sue HARRISON                GBR  2:51:28
8  Maria Regina YAMIN          MEX  2:53:42
9  Paula MORRISON              USA  2:58:00
10 Chantal GOSSELIN            CAN  3:02:27
 
HALF MARATHON: 
MEN:
1  Giitah MACHARIA             CAN  1:04:38
2  Henry GITHUKA                    1:05:18
3  Abel ONDEYO                 CAN  1:05:38
 
WOMEN:
1  Hellen CHERONO              KEN  1:12:59
2  Liza BENTLEY                CAN  1:18:47
3  Liz MAGUIRE                 CAN  1:19:56
---------------------------------------------------------------------------------------------------

24 SEPTEMBER 2006: RTP HALF MARATHON OF PORTUGAL, PORTUGAL

MEN:
1  Robert K CHEURYIOT          KEN  1:02:51
2  Peter KIPKASI               KEN  1:03:57
3  Eduardo HENRIQUES           POR  1:04:06
4  Richard LIMO                KEN  1:05:03
5  Hermano FERREIRA            POR  1:05:13
6  Jose ROCHA                  POR  1:05:35
7  Jose MADURO                 POR  1:05:51
8  Fernando SILVA              POR  1:06:52
9  Edwin KIBET                 KEN  1:07:32
10 Manuel DAMLAO               POR  1:08:52
 
WOMEN:
1  Pamela CHEPCHUMBA           KEN  1:11:07
2  Bizunesh BEKELE             ETH  1:11:37
3  Irene JEROTICH              KEN  1:12:49
4  Leonor CARNEIRO             POR  1:13:05
5  Monica ROSA                 POR  1:13:09
6  Caroline KWAMBAI            KEN  1:14:32
7  Nancy KIPROP                KEN  1:15:16
8  Analia ROSA                 POR  1:16:09
9  Ana DIAS                    POR  1:17:43
10 Elisabete LOPES             POR  1:18:04
---------------------------------------------------------------------------------------------------

24 SEPTEMBER 2006: 45TH DEXIA BIL ROUTE DU VIN HALF MARATHON, LUXEMBOURG

MEN:
1  Francis KIBIWOTT            KEN  1:00:29
2  Isaac MACHARIA              KEN  1:00:53
3  Marwa Dickson MKAWI         TAN  1:01:57
4  Andrei LIMO                 KEN  1:02:00
5  Mariko KIPCHUMBA            KEN  1:02:12
6  Barnabas KENDUYIWO          KEN  1:02:30
7  Ekiru John KELAI            KEN  1:02:45
8  Moses KIPRUTO               KEN  1:03:12
9  Charles NGOLEPUS            KEN  1:04:22
10 Sammy KURUI                      1:04:48
 
WOMEN:
1  Anne KOSGEI                 KEN  1:11:47
2  Pauline WANGUI              KEN  1:12:30
3  Kristijna LOONEN                 1:14:03
4  Catherine CHIKWAKWA         MAL  1:14:31
5  Emmah KIRUKI                KEN  1:14:54
6  Kerubo Rose NYANGACHA       KEN  1:15:45
7  Fatiha BAOUF                     1:16:38
8  Pascale SCHMOETTEN               1:25:42
9  Tania HARPES                     1:27:36
10 Julia WYDRA                      1:28:12

---------------------------------------------------------------------------------------------------

24/09/2006
Orobie Skyraid - Valcanale - Presolana                                                                                                
Buona la prima
   Scritto da Ufficio Stampa Promoeventi Sport                                                                                                                                                                Nell'edizione-test della Orobie SkyRaid la protagonista è stata la nebbia, che ha ostacolato non poco la corsa dei concorrenti lungo il Sentiero delle Orobie ma che non ha impedito agli organizzatori di analizzare tutti i dettagli in vista del Mondiale a staffetta del 2007

 

Doveva dare indicazioni di carattere organizzativo e logistico al comitato dell'Orobie SkyRaid, e così è stato. Nell'edizione di esordio, seppur in chiave di collaudo in vista della candidatura a Campionato Mondiale a squadre di skyrunning, la prova podistica in alta quota che si è disputata quest'oggi sul Sentiero delle Orobie ha fornito molti spunti di riflessione agli organizzatori e agli atleti. Questi ultimi, in particolare, oltre che con un tracciato impegnativo (84 chilometri per 5.000 metri di dislivello) hanno dovuto fare i conti con le umide condizioni meteo. Infatti, la vera protagonista della giornata è stata la nebbia che ha avvolto per tutta la giornata l'intero tracciato, consigliando i concorrenti di non correre da soli per evitare di perdere la via. Pertanto, le nuvole basse hanno falsato l'aspetto agonistico della prova.

“Il team con cui ho corso ha portato a termine la gara in poco più di dieci ore - sottolinea all'arrivo del Passo della Presolana il recordman del tracciato, Mario Poletti - e pensare che l'anno corso da solo chiusi in 8 ore e 52 minuti”.

Un'affermazione che la dice lunga su quanto la nebbia abbia influenzato lo svolgersi della manifestazione, ma questo non ha inciso sugli aspetti organizzativi. “E' stato importante realizzare questo test - ricorda Giovanni Bettineschi, deus ex machina di tutta l'organizzazione - perché tra un anno dovremo fare i conti non più con una quindicina di atleti in gara, bensì con due o trecento partecipanti di ogni tipo”.

Infatti, per i Campionati Mondiali di Skyrunning nella versione a staffetta con tre atleti per squadra, sono attesi un centinaio di formazioni da oltre venti nazioni, e il primo weekend dell'agosto 2007 ogni aspetto legato alla logistica e soprattutto alla sicurezza dovrà essere ben ponderato, sia per gli agonisti che puntano al titolo iridato, sia per gli amatori, in numero sempre crescente. E pensando a questi ultimi è il presidente del Cai Bergamo, Paolo Valoti che chiosa: “La nostra sezione ha partecipato non solo dal punto di vista organizzativo supportando la Promoeventi, ma ha voluto dare un contributo atletico mettendo in campo una formazione che rappresenta la media che verosimilmente potrebbe partecipare tra un anno”.

Per la cronaca, la formazione del CAI Bergamo, composta, oltre che dal presidente, anche da Marco Finazzi e Flavio Rizzi, ha chiuso con il tempo di 11:52'13, mentre i più veloci sono stati i portacolori dell'IZ Racing, Mario Poletti, Marco Zanchi e Roberto Benzoni, che hanno fermato il cronometro sul tempo di 10:03'15. Da segnalare la performance di Giuliano Zanga, Emilio Marinoni e Giovanmaria Trussardi, che hanno chiuso in 11:59'09, mentre la formazione mista con Carolina Tiraboschi, Federico Merletti e Silvia Caminetti ha fatto ancor meglio in 11:36'18.

Ora la palla passa ai rappresentanti italiani della FSA, la Federazione internazionale degli Sport in Altitudine, che si riuniranno a Bergamo sabato 7 ottobre durante la fiera Alta Quota e che in quella occasione analizzeranno la candidatura dell'Orobie SkyRaid all'esordio della formula di Campionato Mondiale a Staffetta 2007.

---------------------------------------------------------------------------------------------------

Assurda maratona, muore a 8 anni
In India un bambino è collassato mentre era in corsa per inseguire un inaudito record che avrebbe dovuto iscriverlo nel Guinness dei Primati
 
NUOVA DELHI (India), 24 settembre 2006 - Un bambino di 8 anni, Mrityunjay Mandal, è morto stamattina a Mumbai, l'ex Bombay, mentre era intento in una maratona. Il bambino, originario dello stato centro-orientale Orissa, era arrivato a Mumbai per emulare e battere il record di un altro bambino, Budhia, che aveva corso 80 km a tempo record iscrivendosi nel Guinnes dei Primati. Mrityunjay Mandal si è accasciato mentre correva la maratona che sarebbe durata dalle sei alle sette ore. Prima di partire per la maratona, il bambino aveva detto di poter correre anche per 100 km, per portare un messaggio di pace nel mondo

---------------------------------------------------------------------------------------------------