• home • fò di pe • gare • classifiche • fotorisultati • allenamenti •

LA MEZZA PERSONALE DI PETENI'

L'avevo detto: <domenica correrò alla morte>... Partenza ore 6,30 il mio amico Lorenzo è stranamente puntuale (... scaramanticamente mi tocco), passiamo dal Vengo che vedo avanzare a passo dA bersagliere verso di noi; caricato il mentore ed effettuate le rituali presentazioni si punta dritti in sede dove senza nemmeno troppo stupirci non troviamo nessuno, fortunatamente i soci (Gigione, Grisù e Brontolo) arrivano in breve tempo. Partenza! in circa un'ora giungiamo a Crema avvolta dalla nebbia, si parcheggia, beviamo il caffè e raggiungiamo in palestra il buon Innominato che ha già ritirato i pettorali per tutti. Non capisco il perchè, ma mentre ci siamo il perfido sopra menzionato mi parla di tempi in mezza e mi ricorda che lui ha un P.B. migliore del mio nella maratona (...non che ci voglia molto..) ...forse mi sta sfidando? Chiederò consiglio al Crema su come ci si debba comportare in questi casi. Bello infreddolito mi dirigo in compagnia di Lorenzo in zona partenza e appena vedo che non c'è ancora praticamente nessuno decido di saltare pie pari il riscaldamento per posizionarmi il più possibile vicino alla linea di partenza. Bang!!! si comincia, l'attenzione viene subito rapita dall'incedere tutt'altro che elegante di un atleta alla mia sinistra, difatti dopo pochi passi il suo protendere le mani in avanti è preludio ad una rovinosa caduta. Lascio il tipo sul freddo asfalto a pelle d'orso e penso: <iniziamo bene!> scappo a gambe levate dalla ressa, 1° Km corso in 3'45". Occorrono circa 2 Km scarsi per uscire dalla ridente cittadina, nel frattempo Brontolo prima e Vengo dopo mi sorpassano fischiettando ed il 2° butta li un :<bravo Peteni> in cui scorgo una punta di sarcasmo. Con Lorenzo facciamo il giro di boa poi dritti per meno di un km e...olè!!! due bei cavalcavia in meno di 800m! i subdoli non lasciano tracce nelle mie gambe, <oggi fai il botto> è il Mantra che riecheggia nella mia testa, nemmeno Lorenzo quando inizia la sua corsa allungando, guadagnando inesorabilmente terreno, riesce a scalfire la mia convinzione. Usciti da Capergnanica troviamo il ristoro dei 10 km ed anche la nebbia che ci allieterà della sua compagnia fino alle porte di Crema. Al 18esimo km ritroviamo un cavalcavia questo lascia il "segno"...rallento...poco dopo sento una voce alle mie spalla dire < dai Mario che iniziamo a raccogliere!> l'ovvio riferimento rimbalza sul mio Mantra, ciononostante vengo raggiunto da un gruppetto di 4 amici, il maschio alfa che guida il branco esorta il suo amico: <dai Mario che oggi fai il tempone!>...siamo in due penso... Mario ansimante biascica qualcosa del tipo: <ragazzi tiratemi!> ed intuendo che non si riferisse ai pomodori noto che è letteralmente scortato dai suoi 3 compari: Athos avanti, Porthos e Aramis a destra e sinistra del novello D'Artagnan. Allungando metro dopo metro il piccolo drappello mi stacca ma poco importa sono ancora troppo concentrato per ascoltare quel pizzico d'invidia che l'armonioso quadretto ha lasciato nella mia mente. Transitiamo per le vie del centro di Crema ( è il porfido sotto i piedi a confidarmelo...) sò che ormai è finita ed appena scorgo la sagoma arancione del gonfiabile mi sveno nell'ultimo allungo finale (ultimi metri corsi a 3'45") Traguardo! Fermo il Garmin e se la mia vista non mi'inganna lui mi sorride, è chiaramente soddisfatto ed anch'io. Tempo finale 1h 29' 28". Oggi ho dato tutto, tutto, mamma mia quant'ero brutto!!!       PETENI'