• home • fò di pe • gare • classifiche • fotorisultati • allenamenti • la cremeria

Torna a risplendere al Master tour la luce del Crema

classifica completa

Come se non fossero bastate le due ultime disastrose maratone,ero appena stato mollato dal mio allenatore Giambattista ( in verità lui ha sempre negato). Recentemente,durante il rientro da una seduta di fartlek,aveva addirittura cercato di spingermi nel canale,nel tentativo di farla finita definitivamente. Non mi scoraggio e proseguo in solitudine la preparazione del 5000 in pista, prima prova del Master tour. Riesco in 5 settimane a svolgere 4 lavori fatti bene (un 10000,un 6x1000,un 10x400,un 3000) intervallati 8/10 giorni di recupero,dove mi trascino letteralmente per correre 10km al 5 in compagnia di un fastidioso dolore al flessore sinistro. Decido (a malincuore) di rinunciare alle prime due prove del Fosso per arrivare il più fresco possibile all’appuntamento. Sono parecchi gli atleti iscritti alla prova dei 5000,tanto da dover suddividerli in 4 batterie. A differenza dello scorso anno, non vengono stilate in base ai tempi dichiarati,ma formulate secondo criteri,che francamente sto ancora cercando di interpretare. Esplode l’ira dei podisti nell’apprendere che i Fò di pe Virus ed Appiani (due maestri del lentissimo) vengono collocati in seconda batteria. Questa incauta scelta porta un ritardo di oltre 5 minuti sui canonici 20/22 m. per ogni prova. Io sono inserito nella terza,con gente del calibro di Pifferi,Moretti,Faverio,e molti altri ancora dai quali prendo abitualmente sonore bastonate alle prove del Fosso. Sono comunque fiducioso,perché il 5000 è il mio cavallo di battaglia. Gli unici due corsi in “carriera” 17.54, 17.47.Obbiettivo primario alla partenza: battere Locatelli Luca (da cui prendo mediamente un minuto al Fosso) dell’Atletica Marathon. Almenno S.S.( già battezzato lo scorso anno). Parto cauto nelle retrovie,si gira a 3.30 circa. Verso il 5/6 giro i primi cedimenti,io resto sempre in coda (ma attaccato) al gruppone degli inseguitori (Pifferi,Moretti,Faverio prendono il largo). A 5 giri dalla fine prendo coraggio,ed una scelta “scellerata” mi porta a sorpassare tutti e tirare il gruppo (è la prima volta in vita mia). La festa dura solo 3 giri,al penultimo vengo sorpassato da 4/5 atleti. E’ la fine? No, non cedo. Resto comunque incollato,(uno purtroppo se ne andrà) a 200 m dal traguardo lancio lo sprint (il mio forte) dalle retrovie riesco a superare tutti,e mi presento solo sul rettilineo alla conquista di un eccellente 5° posto. Purtroppo però nonostante gli incitamenti di moglie,figlia,amici ….l’ombra di Togni (Marathon Almenno) si avvicina sempre più,fino a beffarmi nei metri conclusivi. Concludo 6° in 17.38. FELICISSIMO comunque. Oltre 15 secondi a Locatelli mi permettono di vivere sugli allori per altri 12 mesi.

DEDICHE Dedico questa bella prestazione al Fò di pe “Spock”, eletto in questi giorni sindaco di S.Paolo d’Argon. Con la speranza che questo prestigioso incarico non lo porti a ritirarsi dalla corse.

Crema