• home • fò di pe • gare • classifiche • fotorisultati • allenamenti •

GARE DAL 12 AL 18 MARZO 2011

In questa sezione, libera a tutti, si inseriscono classifiche e commenti personali. Inviare resoconto a info@fodipe.it
13/03/2011                                                                                  Brescia Art Marathon - Brescia                                      Albert Kipngetich e Marija Vrajic        classifica completa       

Maratona molto apprezzata. Soprattutto per il suo tracciato, considerato molto veloce, addirittura fra i primi in Italia. Oggi però, sicuramente complice il maltempo, il gran tempo non è arrivato. La vittoria è andata al keniano Albert Kipngetich Kangor con il tempo di 2h14'05". Dietro di lui l'etiope Abebe Negewo Defefa con 2h19'30" e terza piazza per Tito Tiberti dell'Atletica Gavardo 90 con 2h27'17". In campo femminile vittoria della croata Marija Vrajic con 2h56'24", davanti alle azzurre Nadia Turotti dell'Atletica ReBo Gussago con 2h59'53" e Silvia Moreni dell'Atletica La torre con 3h00'07". La mezza distanza della Brescia Half Marathon è stata vinta da un altro keniano, Richard Kiprono Bett con il tempo 1h03'05". Dietro di lui il connazionale Joel Mania Mwangi con 1h03'12" e Ahmed Nasef dell'Atletica Fanfulla con 1h03'50". Nella gara femminile vittoria di Deborah Toniolo del Gruppo Sportivo Forestale con 1h19'41". Podio completato da Maurizia Cunico dell'Atletica Vicentina con 1h25'15" e Cinzia Bertasa della Marinelli Comenduno con 1h27'44". Nella prova di Hand Bike trionfo per Mirco Bressanelli della Polisportiva Disabili Vancamonica con il tempo di 1h21'30", davanti a Claudio Conforti del Team Mtb Bike Bregnano con 1h22'28" e Massimiliano Bosi del Team Pulinet con 1h22'39". Nella Brescia Ten, la gara sui 10 chilometrri, primo posto nela gara maschile per il keniano Geoffrey Ngugi Kanyanjua con il tempo di 28'44". Alle sue spalle El Habbas Hicham Abou dell'Atletica Casone Noceto con 28'53" e Yassine Rachik dell'Atletica Cento Torri Pavia con 30'52". Fra le donne è la keniana Lucy Wambui Murigi a tagliare per prima il traguardo, con il tempo di 32'48". Dietro di lei Martina Facciani del Runner Team 99 con 35'28" e la compagna Valentina Facciani con 35'53".   spunti da runningpassion

a

“60 e non li sento... perché ho i 42,195 nel cuore” - Quest’anno mi ero riproposto di scrivere un “pezzo” per ogni maratona a cui avrei partecipato. Il mio problema più difficile era trovare l’argomento. Certo avrei potuto fare una cronaca della gara: in questo caso lo spunto sarebbe stato preso da articoli pubblicati ed il risultato sarebbe stato una copia di quanto scritto da altri. Avrei potuto fare la cronaca della partecipazione mia e dei miei compagni di società alla maratona stessa, ma sarebbe stato di qualche interesse “giornalistico” il conoscere orari, tragitti, partecipanti, notizie spicciole sulla trasferta? Non credo proprio. Questa mia decisione di trovare la “notizia” ha fatto sì che in qualche occasione io abbia corso la maratona, ma non abbia trovato lo spunto per scrivere il “pezzo”. Per la maratona di Brescia, io sapevo già dal giorno prima che avrei scritto qualcosa, avevo già la “notizia”. Il mio articolo avrebbe riguardato un regalo, anzi IL REGALO, che ho ricevuto il giorno del mio 60° compleanno. Regalo che va ben al di là del valore materiale dello stesso: regalo che significa la condivisione di un ideale, in questo caso la maratona. Sono sicuro che altri appassionati della corsa avranno ricevuto un regalo simile, non sarà stata una maglietta, sarà stata altro cosa, questo non ha importanza: l’importanza è la condivisione “interiore” che la compagna della vita sia essa moglie, madre o sorella ha negli ideali del festeggiato. Il regalo era una maglietta rossa. Certo che riceverla da chi continuamente “brontola” per l’eccessivo numero di magliette che ingombrano i cassetti è un po’ un controsenso! Quello che rende “speciale” la maglietta sono le frasi ricamate sulla stessa, sul davanti un enorme “60” e la scritta “e non li sento” sul retro la scritta “perché ho i 42,195 nel Y”. Eccomi alla partenza della “BresciaMarathon” con la mia maglietta “speciale”! Questa è la quarta volta che corro senza indossare la divisa dei Runners Bergamo. Le altre volte sono state nelle maratone di Ravenna (2007) di Torino e Firenze dello scorso anno. Nel primo caso rientravo alle competizioni dopo sei mesi di stop dovuto ad un infortunio, negli altri casi ero ancora “malmesso” per cui la probabilità di ritiro era abbastanza elevata e non volevo che la divisa dei Runners Bergamo subisse “l’onta” di un ritiro!. Oggi sapevo che la maglietta sarebbe arrivata al traguardo! Nulla avrebbe potuto far sì che questo non sarebbe successo! La maglietta è arrivata sudata & bagnata al traguardo con il tempo di 4h 5’ 51”. Certamente i lettori più attenti avranno notato qualcosa di strano nel tempo finale: 4 + 5 + 51 = 60!    Fausto “Sir Marathon” Dellapiana

13/03/2011                                                                                  Trofeo Parco Sempione - Milano                               Merhium Crespi e Anna Maria Mazzetti                  classifica completa

Appuntamento presso l'Arena Civica di Milano, per correre i 10 chilometri del tracciato che si snoda all'interno e intorno al parco, due giri da 5 chilometri l'uno. Appuntamento a cui hanno risposto più di mille atleti. Nella gara maschile la vittoria è andata a Merhium Crespi, che ha fatto segnare il tempo di 31'21". Dietro di lui Alessandro Ruffoni con 31'30" e Stefano Casagtande con 31'36". Fra le donne vince Anna Maria Mazzetti con il tempo di 36'05", davanti a Sara Galimberti con 37'33" e Claudia Gelsomino con 37'38".    spunti da runningpassion

13/03/2011                                                                                  1^ Paradiso Garda Run - Peschiera Borromeo - VR Daniele Dolci e Annita Negri                  classifica completa          

Oltre 500 gli iscritti per la vittoria del veronese Daniele Dolci della Corradini Rubiera in 51 minuti e 13 secondi dopo un testa a testa con il triatleta trentino Alessandro De Gasperi che perde la posizione di prim’attore quando mancano soli due chilometri all’arrivo. Tra le donne, netta vittoria della mantovana Annita Negri che chiude la sua corsa con circa un minuto di vantaggio su Lorenza Di Gregorio.   spunti da c.s.

13/03/2011                                                                                  28^ Maratonina delle 4 Porte - Pieve di Cento - BO          El Barhoumi Taoufique e Giovanna Epis                  classifica completa          

Gara con al via ben sette marocchini, due keniani e un ruandese. 800 gli iscritti alla maratonina con 700 classificati, molti forse per paura delle annunciate cattive condizioni meteo non hanno ritirato il pettorale prenotato. La gara maschile si è conclusa in volata e ancora una volta quasi un replay della domenica prima a Piacenza si è imposto il marocchino Taoufique El Barhoumi (Casone Noceto) in 1.03’43” precedendo i due keniani Erik Chirchir e Abraham Talam. Al femminile, Giovanna Epis, 22enne del Corpo Forestale dello Stato ha saputo imporsi con gara molto accorta e distribuendo bene le forze per chiudere in crescendo nel finale che l’ha portata ad ottenere alla sua quarta esperienza sulla mezza un 1.13’41” personale e crono di assoluto (prec. 1.15’23” a Grosseto nel 2010). A seguire la keniana Salina Jebet e la marocchini Siham Laaraichi, poi Laura Ricci e l’italo romena Ana Nanu.   spunti da c.s.

13/03/2011                                                                                  37^ Stracivitanova - Civitanova Marche - MC         Kimutai Koech Josphat e Labani Soumiya                  classifica completa          

La gara maschile ha visto africano fin dai primi metri, con un gruppetto di 9 atleti, tutti keniani e marocchini, a fare l’andatura. L’equilibrio è durato più o meno fino a metà gara quando l’attacco di Kimutai Koech e del connazionale Yego Solomon Kirwa ha creato la fuga decisiva fino alla volata finale con l’atleta dell’Atletica Recanati vittorioso in 1h 3’ 52”. Solomon Kirwa, portacolori della Stamura Ancona è staccato di appena un secondo mentre il gradino più basso del podio se lo aggiudica il terzo keniano del gruppo Rogut Mathew Kiprotich in 1h 4’ 4”.  Non meno emozionante la competizione femminile con Labani Soumiya che polverizza il precedente record della gara coprendo i 21097 metri previsti in 1h 12’ 17”. L’atleta marocchina dell’Alteratletica Locorotondo ha letteralmente dominato, staccando già a metà tracciato la sua unica possibile rivale, la ruandese Mukasakindi Claudette della Running Club Futura, arrivata seconda con oltre due minuti di ritardo. Al terzo posto la prima italiana, Marcella Mancini, con l’ottimo tempo di 1h 15’ 56”.   spunti da c.s.