• home • fò di pe • gare • classifiche • fotorisultati • allenamenti •

GARE DAL 03 AL 09 SETTEMBRE 2011

In questa sezione, libera a tutti, si inseriscono classifiche e commenti personali. Inviare resoconto a info@fodipe.it
04/09/2011                                                                                  14^ Maratonina e Diecimila di Castel Rozzone . BG Michele Palamini e Stefania Benedetti classif. maratonina    classif. diecimila   GALLERIA FOTO 1          GALLERIA FOTO 2

Come da tradizione, la prima Domenica di Settembre, ospita la ormai classica Maratonina di Castel Rozzone, manifestazione a carattere interregionale riservata alle categorie Juniores-Promesse-Senior-Master-Amatori maschili e femminili valida per il Campionato Provinciale J-P-S-Master M/F. Oltre alla 14^ edizione della Maratonina, si è svolta in concomitanza la 3^ edizione del Diecimila di Castello, gara regionale A. I quasi 700 atleti che hanno preso parte alla manifestazione non sono stati scoraggiati dall’alto tasso di umidità che ha influenzato non poco le prestazioni dei singoli. Il Diecimila vede protagonista Daniele Gritti che vince con il tempo di 34'25'', secondo Oscar Balbiani con 34'45'' mentre sul terzo gradino più basso del podio sale il fò di pe Gian (Giovanni Moretti) con 34'55''. In campo femminile riesce a spuntarla Paola Gariboldi chiudendo in 38'26'', seconda Monica Cibin con 39'17'' e terza Tatiana Bianconi con 39'19''. Per quanto riguarda la Maratonina, si impone Michele Palamini, forte atleta del Gav Vertova, che con il tempo di 1h08’43” vince questa 14^edizione aggiudicandosi il titolo provinciale; sul secondo gradino del podio sale Luca Merighi che chiude in 1h10’54”, mentre la terza posizione viene occupata da Pietro Colnaghi con 1h13’25”. Come lo scorso anno, la gara femminile vede protagonista Stefania Benedetti chiudendo con il tempo di 1h21’12”, seconda Noemy Gizzi con 1h27’31” e terza Daniela Viccari con 1h31’50”. Una buona rappresentativa fò di pe si suddivide per disputare le gare di giornata, il Diecimila vede impegnato Gian che come detto in precedenza risulta essere il terzo più veloce con 34'55'', Cucciolo con 37'32'', Scorpion con 44'21', Appiani con 54'07''' e Virus con 55'35''. Nella Maratonina presenti Crema che chiude con il tempo di 1h33’43” precedendo Coscia con 1h33’52”, Ventesimo con 1h36’08” e Gigione con 1h37’03”. Ottima l’organizzazione della locale società di atletica che ha curato ogni singolo dettaglio, percorso perfettamente presidiano con indicazioni ogni chilometro, spugnaggi e ristori puntuali, mentre gli sforzi degli atleti vengono poi premiati con un ristoro finale ben fornito e raviolo party. Da ricordare inoltre che una parte delle iscrizioni è andata in beneficenza all’associazione Paolo Belli per la lotta alla leucemia, un grande impegno che viene ripagato dai numerosi atleti che ogni anno prendono parte a questa bella manifestazione che merita di essere vissuta.      Cucciolo       

11

Anche oggi gara da dimenticare...mi sà che ho preso anch'io la Sindrome del Crema... Quella in cui un Atleta come conosce il Crema, si dà l'obbittivo di batterlo, perchè ti viene spontaneo pensare,come lo vedi, che non sia un atleta di punta.....INVECE EHHHH spunta la sindrome....avevo già avuto a che fare con lui,nel lontano 2008 alla Brescia Ten dove mi ha sverniciato nei ultimi metri mentre festeggiavo il mio personale in 38:46 Ma passiamo a oggi: giornata grigia(in tutti i sensi) a tratti piovosa e molto afosa.. pronti via,oggi cè!!! il Crema parte per la mezza, io per il diecimila,quindi dovrei metterlo dietro invece è sempre li davanti dai 5 ai 10 metri...nemmeno quando corro a 3:55 riesco a prenderlo ed eccola al 5 km si presenta la sindrome del scoppiato...vengo superato da un Coscia in rimonta sul Crema...guardo più avanti è li li..ma facendo due conti in tasca decido di guardare la natura circostante..aspettando la PROSSIMA gara per battere la SINDROME DEL CREMA LA GARA:ottima organizzazione come sempre...per la mezza arrivati in 424. Scorpion

04/09/2011                                                                                  4° Memorial Cortinovis - Lenna - BG                          Andrea Regazzoni e Angela Serena classifica completa

Nonostante il maltempo gara di livello a Lenna, dove questa mattina si è disputato il IV Memorial Cortinovis - Gervasoni, gara nazionale valida come Campionato Regionale lombardo di corsa in montagna. La gara maschile è stata incerta fino all'ultimo metro, dopo 12km coperti in poco più di 52' è servito uno sprint per decidere la vittoria, che ha sorriso al bergamasco di Santa Brigida Andrea Regazzoni, in forza all'Atl. Valli Bergamasche, che ha bruciato sul rettilineo finale il magrebino Lachen Mokraji dei Daini Carate, sorprendentemente a suo agio anche su un tracciato di vera corsa in montagna come quello di Lenna, a completare il podio ci ha poi pensato Rolando Piana della Recastello con circa 30" di ritardo. Il tracciato prevedeva un giro da 6km da ripetere due volte, che si snodava tra gli abitati di Lenna e Piazza Brembana, al primo passaggio sul traguardo la testa della corsa era formata da un quartetto composto dai tre atleti che hanno formato il podio più Francesco Della Torre del G.S. Orobie, mentre poco più staccati transitavano il marocchino Jarmouni, Ruga, Terzi e Zenucchi. Nella seconda ed ultima tornata si delineavano le posizioni, con Jarmouni che andava a raggiungere e superare Della Torre ed a chiudere quarto, mentre la top ten era completata da due grandi del recente passato, Claudio Amati e Davide Milesi (G.S. Orobie). Titolo regionale ad Andrea Regazzoni. Nella gara femminile, che prevedeva un solo giro da sei chilometri, come preannunciato si aveva un duello a due, con Angela Serena (Freezone) e Sara Bottarelli (UA Val Trompia) a fare subito il vuoto rispetto a tutte le altre; al GPM di giornata, posto a circa metà tracciato, passava in testa la Serena con un margine di circa 45" sulla Bottarelli, che recuperava poi qualche secondo nella discesa che riportava al traguardo, resa insidiosa dalla pioggia, non abbastanza per impensierire la Serena che portava così a casa titolo regionale e vittoria di giornata. Fra le società ad imporsi sono state l'Atl. Valli Bergamasche su G.S. Orobie e Recastello al maschile e il Freezone al femminile.    G.S. Orobie

04/09/2011                                                                                  Maga Skymarathon e Mezza - Valserina - BG        Riccardo Faverio e Cinzia Bertasa cl. skymarathon M     cl. skymarathon F classifica mezza M     classifica mezza F

Meteo sfavorevole quest’estate con le corse in montagna nella bergamasca: dopo l’Orobie Skyraid anche la M.A.G.A è costretta a cambiare radicalmente il percorso. Previsioni di tempo pessimo fanno saggiamente stravolgere il percorso agli organizzatori: non si sale su nessuna delle 4 vette in programma. Percorso comunque molto duro viste anche le condizioni del fondo: partenza da Serina, salita al passo del Supplì, passaggio alle casere e subito in discesa per Cornalba e ritorno a Serina attraverso un continuo saliscendi nei boschi. 1 giro per la Skyrace, 2 giri per la Marathon. La pioggia non è comunque riuscita a rovinare l’atmosfera di festa che si è respirata all’interno del palazzetto di Serina fino a pomeriggio inoltrato con pranzo seguito dalle premiazioni e da un sacco di premi per tutti. Peccato la ricorrenza biennale di una gara speciale che in futuro gli organizzatori sapranno sicuramente promuovere sempre meglio. Nella Marathon 49 atleti all’arrivo con vittorie di Riccardo Faverio (che comincia a prenderci gusto) in 2:43’17” e della sempre più convincente Cinzia Bertasa in 3:34’56”. Nella Skyrace tagliano il traguardo in 50 con vittorie di Angelo Corlazzoli in 1:22’00” e di Rossana Morè in 1:32’22”. Per i Fò di pe presenti nella Skyrace Battiato 34° in 1:47’19”. Nella marathon Ale 29° in 3:49’06”, Vetta 34° in 4:01’26”, Zio 39° in 4:20’31” e Dotto 49° in 6:01’20”.      Battiato

04/09/2011                                                                                  5^ Skyrace della Rosetta - Rasura - SO                        Paolo Gotti e Raffaella Rossi classifica completa

Il maltempo non ha fermato i circa 170 atleti che hanno partecipato a questa bellissima gara che a dispetto delle pessime condizioni atmosferiche è comunque riuscita a calcare il percorso integrale. Ventuno i chilometri , all'interno del Parco delle Orobie Valtellinesi, con 1550 metri di dislivello attivo e 3100 metri di dislivello totale. Partenza dagli 850 mt. del Polifunzionale di Rasura, si sale passando dalle località Larice e Ciani, si continua nella salita raggiungendo gli alpeggi di Combana e Combanina fino a raggiungere l'Alpe di Stavello, punto più a sud a quota 1940 mt. Il percorso ora scende in direzione Baita del Ven da dove si risale passando vicino al Lago di Culino per raggiungere la Cima della Rosetta a 2.140 m. Da qui una prima ripida discesa fin verso quota 1700 mt., un tratto pianeggiante che porta fino in Alpe Olano e ancora picchiata fino all'abitato di Mellarolo con un’ ultimo strappo per raggiungere nuovamente il Polifunzionale. In campo maschile le danze sono state a lungo condotte in solitaria da Pietro Pellegrini costantemente braccato dal gruppo dei migliori. Il solo Paolo Gotti del GS Altitude è però riuscito nella parte finale a piombare sul fuggitivo e sopravanzarlo di una trentina di secondi , 2.06.46 e 2.07.18 i relativi tempi . Il terzo gradino del podio veniva poi agguantato da Daniele Zerboni del Lanzada in 2.07.51 seguito da Giovanni Tacchini – Team Valtellina e dal capitano dei Falchi Lecco Carlo Ratti , 2.08.48 e 2.10.27 i loro tempi. Altri amici bergamaschi in gara Baroni Antonio 24° assoluto e terzo negli over 50 in 2.28.57, Pesenti Giacomo Pirata dei Fodipe 73° ( 8° Over 50 ) in 2.49.02, il sottoscritto 83° in 2.54.49. Da segnalare un ottimo 20° assoluto e 5° di categoria per Tiziano Gasparini. In campo femminile la preannunciata lotta tra le due nazionali Rossi e Buzzoni ha animato la competizione anche se nella prima ora di gara la nostra Ester è riuscita addirittura a tenere il passo di Raffaella. Dopo una serie di avvicendamenti lo striscione d’ arrivo ha visto transitare Raffella, Lisa ed Ester nell’ ordine con i seguenti tempi : 1° Raffaella Rossi – Team Valtellina in 2.34.06 2° Lisa Buzzoni – GS Altitude in 2.35.09 3° Ester Scotti – Valetudo in 2.43.06 ( 1° nella categoria Over 40 ) La top five si è completata con Monia Acquistapace e Serena Piganzoli. Credo non mi stancherò mai di elogiare questo team organizzativo oltre che per la perfetta logistica ( pranzo fantastico ) anche per le premiazioni che veramente dovrebbero essere esempio per tutti. Tantissimi atleti sono stati ripagati della loro fatica. Classifiche assolute per i primi 10 uomini e le prime 5 donne e ben 7 classifiche di categorie ( 5 per gli uomini con i primi 10 premiati e 2 per le donne con le prime 5 premiate.      Giacomo Rottoli

04/09/2011                                                                                  10^ Aosta Becca di Nona - AO                                      Mikhail Mamleev e Corinne Favre classifica completa

Condizioni meteo da tregenda, quelle che hanno caratterizzato il decennale della Becca di Nona Skyrace, con la decisione di far disputare la competizione sul percorso ridotto di 23 km per 1.745 metri di dislivello positivo, con il Gran Premio della Montagna posto ai 2.325 metri del Lago Chamolé anziché ai 3.142 metri della Becca di Nona. Nei pressi del Lago Chamolé, dopo 12 km per 1.745 metri di dislivello positivo, è stato allestito il parterre di arrivo relativo alla prova di sola salita. Partenza alle 9 in punto dalla centralissima piazza Chanoux di Aosta, con il ristretto gruppo dei favoriti per il successo finale che ha subito preso la testa della corsa. Le prime rampe di gara, poste immediatamente sotto l'abitato di Charvensod, sono state prese letteralmente di petto dal russo con passaporto italiano, Mikhail Mamleev, già campione tricolore di skyrunning per l'anno in corso, capace di mettere alla frusta il camoscio messicano Ricardo Mejia, ritornato ad Aosta per festeggiare il decennale della competizione tanto cara al suo rivale storico Bruno Brunod. Passaggio ai 2.211 metri del Col Plan de Fenêtre che ha sancito una volta di più il dominio di Mamleev, secondo assoluto alle spalle di Lenzi (impegnato però nella Sola salita), con Mejia in passivo di 2' e il grande discesista Paolo Bert a poco meno di 6'. Posizioni di vertice rimaste invariate anche al Gran Premio della Montagna, posto ai 2.325 metri del Lago Chamolé, con Mamleev a condurre con margine su Mejia, Bert e il vincitore transalpino della Sola salita 2010, Jérôme Bosch. Per Mamleev arrivo in totale solitaria all'area sportiva di Plan Félinaz in 2h22'06, con alle sue spalle lo splendido falco piemontese Bert (a 4'51), Mejia (a 5'16), Bosch (a 6'24), i catalani Pere Aurell Bove (a 8'55) e Gabriel Crosas Salvans (a 10'04), il primo dei valdostani Franco Collé (a 10'52) e il campione in carica del circuito della Mountain Running International Cup, Michel Rabat (a 11'27). In campo femminile immediatamente competitiva la transalpina Corinne Favre, già vincitrice qui nel 2005, con le favorite della vigilia, la campionessa uscente Emanuela Brizio e le compagne della Valetudo Raffaella Miravalle e Cecilia Mora, parse sin da subito in leggera difficoltà. Transito in testa allo scollinamento del Lago Chamolé per la Favre, che evidentemente ha patito meno delle sue avversarie le brutte condizioni meteo, con Miravalle attardata di 1'30 e Mora a 4'40 dalla leadership. Rettilineo conclusivo che ha dato ragione a quella gran campionessa che di nome fa Corinne Favre in 2h52'01, con a seguire Miravalle (a 49), Mora (a 5'10), Brizio (a 7'32) e la prima valdostana Sonia Glarey (a 19'35).      spunti da sito org.