• home • fò di pe • gare • classifiche • fotorisultati • allenamenti •

GARE DAL 26 AL 30 MAGGIO 2012

In questa sezione, libera a tutti, si inseriscono classifiche e commenti personali. Inviare resoconto a info@fodipe.it
26/05/2012 
40^ 100 km del Passatore - Firenze Faenza
Giorgio Calcaterra e Monica Carlin
classifica completa             

La 40^ edizione vede al via oltre 2000 atleti sul percorso impegnativo da Firenze a Faenza. Ennesimo successo di Giorgio Calcaterra, che taglia il traguardo di Piazza del Popolo in 6h44'51'', ottimo secondo posto per il Lecchese Pietro Colnaghi 6h51'59'' e terzo per Andrea Palladino in 7h07'05''. Monica Carlin incontrastata vincitrice in campo femminile con il tempo di 7h35'07' su Irina Pankoskaya 8h02''54' e la Bergamasca Paola Sanna 8h04'05'''. Nutrita rappresentanza fò di pe e esordio sulla distanza per Sara che termina in 17h48'41'' diventando così la prima donna ad aver concluso una 100 km con la maglia giallo-verde. Ottimo risultato per Vengo in 9h04'02'' ed a seguire, Coscia 10h04'09'', Sigi 10h07'10'', Soldatino 10h19'57'', Luca Sala 10h29'33', Adriano 10h46'00'', Grisù 12h21'01', Onga 12h21'02''.Gigione 14h08'20''.  Forvezeta

Siam partiti per il passatore e sono ancora vivo ti ringrazio o mio signore. Ora torniam da Faenza ma è stata una dura penitenza Alla partenza non mi sentivo debole ma ero già cotto prima di Fiesole. Allo sparo c'è un gran brusio e già non vedo più gli altri due del trio. Il Sala e il Sigi Maury vanno a palla come due centauri ma sul più bello che succede? uno si calma e l'altro cede. Io nessuno devo criticare perchè non riesco più neanche a camminare. Ho davanti a me Benaglia lo voglio prendere ma il dolore alla caviglia mi attanaglia. Anche lo stomaco fa male e tutto quanto in bocca mi risale. Con uno sforzo sovrumano lo trattengo con la mano. Mi raggiunge anche Gigione che tra un sonno e un pisolino la finisce pian pianino. Mi sento solo e abbandonato e nell'affrontar la Colla, sol Grisù non m'ha lasciato anche se un po' barcolla, "Dai"mi dice"non mollare" ma a me vien da vomitare. Alla fine lo ammetto e la spugna ormai getto, di plasil un'iniezione con il pullman per Faenza prendo la direzione. Al traguardo Vengo col tempo ho trovato e subito si è complimentato "Bravo giava!tutti sti km e non hai neanche la bava! hai fatto un tempo strepitoso " dice con sarcasmo lo spiritoso. Ora concludo cara gente basta 100 km, non faccio più niente, lo dice anche Sigi dopo la doccia prontamente. Non è solo un piccolo fuoco o una scintilla, decisi ormai siam per il calciobalilla. - Brava Sara per la tua tenacia che ti ha spinto ad andar oltre la fatica della camminata Giava

27/05/2012 
15° Giro delle Casere Skyrace - Vedeseta - BG
Tadei Pivk e Paola Romanin
classifica completa

Visto il tempo clemente decido di fare un buon allenamento sul percorso che si svolge la 15^ed. del Giro delle Casere Sky Race in Val Taleggio. Parcheggio la macchina zona arrivo situata in Vedeseta e con zaino e bastoncini percorro il tratto che divide la zona arrivo alla zona partenza situata a Sottochiesa comune di Taleggio,con 15 minuti di anticipo sulla partenza dei 121 atleti al via parto per vedere gli atleti sul percorso impegnativo di uno sviluppo di km 27 circa e un dislivello di mt.3.700 + e negativo. A scandire subito il passo e' il forte atleta Friulano Tadei Pivk che impone un ritmo gia' sulla prima salita che porta al rifugio Gherardi e fa'selezione, mettendo gli avversari sgranati sul sentiero che porta al rifugio dove e' posizionato il primo ristoro. La gara la conclude senza mai mettere in discussione la liderschip sia sul passaggio della cima Baciamorti mt.2.009 slm e cima Sodadura mt.2.013,col tempo finale al traguardo di Vedeseta di ore 2.27"16, al secondo posto, partito tranquillo e con funanmboliche discese si piazza Fabio Bonfanti Altitude col tempo di 2.31"25 e terza piazza per il compagno di societa' e neo papa' Paolo Gotti col tempo di 2.32"05. Al femminile Paola Romanin -Aldo Moro,con un gruppetto di atleti imponeva un ritmo per staccare subito le avversarie,solo Carolina Tiraboschi cercava un recupero e agganciava in cima al Sodadura l'avversaria, ma in discesa doveva dare strada a Romanin che concludeva la sua prova in ore 3.10"28, seconda Carolina Tiraboschi in 3.19"33 che si fregiava di campionessa Lombarda, terza Chiara Gianola in 3.25"08. Clima ideale e percorso sempre affascinante,segnalato in modo efficente per non dar modo agli atleti di sbagliare. Ristori posizionati nei punti strategici, quindi complimenti all'organizzatore Dario Busi e a tutto il suo staff e volontari accorsi sul percorso per dare un appoggio..  Pirata

27/05/2012 
2^ Trentapassi Skyrace - Marone - BS
Dennis Brunod e Cinzia Bertasa
classifica completa

Gara giovane, siamo solo alla 2^ edizione, ma già matura con un’organizzazione degna degli eventi più blasonati: precise e continue comunicazioni nei giorni pre-gara, percorso tracciato perfettamente, personale d’assistenza e volontari sul percorso in quantità industriale per una tracciato che incarna perfettamente il concetto di Skyrace: salita micidiale da fare col cuore in gola e discesa con pendenze estreme da fare a tutta! Ottimo il pacco gara con un gilet tecnico decisamente valido oltre ad un sempre utile buff. Pasta party e dolce calde a completare il tutto. La Trentapassi comincia a richiamare nomi di rilievo e nel futuro non potrà che crescere nei numeri. In 225 atleti tagliano il traguardo con record, sia maschile che femminile, polverizzati! Dennis Brunod, transitato in testa anche alla Corna Trentapassi, chiude in 1:36:11. Ad un paio di minuti Daniele Cappelletti che brucia in volata Michele Semperboni. Al femminile la sempre sorridente IZ Cinzia Bertasa ha la meglio, in 2:00:46, su Laura Besseghini dell’Atletica Alta Valtellina. Sul podio anche la Valetudo Ester Scotti. Nutrita la partecipazione del gruppo Fò di pe. Ed è Brontolomania! 89° in 2:15.54 alla prima esperienza sky. A seguire Matteo 98° in 02.18.47, Ale 101° in 02.19.05, Battiato 102° in 02.19.36, Zio 175° in 02.40.58. Tirando le somme giornata positiva, soprattutto per Brontolo che ha sostituito le ripetute in salita con la Trentapassi in vista del 5.000 del Master Tour dove ha promesso scintille!    Battiato

27/05/2012 
33^ Staffetta Trofeo Alessio Milesi - Roncobello - BG
V. Milesi - D. Milesi e R. Locatelli - F. Coscia
classifica completa

Corsa in montagna classificata come non competitiva quella svolta nel paese bergamasco di Roncobello, ma che nel suo albo d'oro conta più di un atleta azzurro della montagna e della maratona. Giunta alla sua 33^edizione la staffetta Avis Aido Admo "Trofeo Alessio Milesi a.m." è una gara a staffetta di 8km a due elementi che alterna tratti veloci a salite e discese. E' toccato agli atleti di casa Vincenzo Milesi e Davide Milesi aggiudicarsi il trofeo, che per l'occasione hanno corso per i colori dello Sci Club Roncobello ed hanno anche fatto segnare i due migliori tempi individuali. Alle loro spalle la formazione composta da Giovanni Galizzi ed Isidoro Cavagna, mentre completano il podio Daniele Ravasio e Ferruccio Gamba. Fra le donne prime Roberta Locatelli e Francesca Coscia dell'Atl. Marathon Almenno.    Davide Milesi

30/05/2012 
Master tour Bergamo - BG
Abramo Gazzaniga
classifica completa

Una sessantina circa gli iscritti, suddivisi in tre batterie. Mattatori della serata, gli atleti dell’Atletica Marathon Almenno che si aggiudicano tutte e tre le batterie. La prima –nella quale si era fatto inserire per impegni di lavoro, evitando così lo scontro diretto- è dominata proprio dal Locatelli, che correndo in solitudine chiude brillantemente con il personale di 17.26. Sinceri complimenti a lui - e lo dico a malincuore. Grande anche il Fò di pe Dotto che chiudendo in 23.43 mette l’ipoteca sul titolo provinciale MM 75, per il quale sarebbe disposto a rinunciare alla pensione. Nella seconda padroneggia l’intramontabile Marco Busi 17.10, con commovente prestazione del nostro Pirata Giacomino 19.57. Nella terza è già motivo di orgoglio essere presenti. All’ormai inseparabile e fortissima triade composta da Togni Franco (battezzato dal sottoscritto nell’edizione 2010) Gazzaniga Abramo e Manzoni Claudio, risponde il trio dei runners bg con Driss, Gatti e Narduzzi ( battezzato dal sottoscritto nell’edizione 2011). Vi sono poi atleti di assoluto valore come Cortesi Andrea, Togni Roberto ( epico il “volatone” che mi ha visto soccombere negli ultimi metri nella scorsa edizione), Perico Alex ( è una vita che non lo battezzo) e Rota Ermanno ( mai battezzato). Io, accanto al compagno Ale e al piccolo Angelì Bordogna - col quale avevo un conto aperto- mi sento pronto a battagliare. Grande assente tra i master-ma presente tra il pubblico- Gian Giuda Moretti, che riusciva a manipolarmi il Garmin prima della partenza. Diceva che avrei avuto riferimenti ad ogni giro, che mi avrebbero aiutato…Ed io incosciente a dargli ancora fiducia… Si parte! Gruppo compatto e andatura non eccessivamente elevata. Dopo il primo giro e mezzo, premo il “lap” e guardo il crono, non appare il tempo totale ed il tempo del giro è oscurato da un misterioso quadratino che impediva la visione del display. Porco Giuda… Quello che dall’esterno -il Coscia Pallida- doveva prendermi i tempi e dettarmi i ritmi se ne era andato a casa dopo il primo giro perché terrorizzato dal buio. I più forti sono comunque ancora vicini e questo mi da l’illusione di andare forte. Dopo 5/6 giri il gruppo dei big allunga, io resto nelle retrovie e seguo la scia di Rota Ermanno. Nel frattempo il Bordogna, che aveva fatto il leoncino nei primi giri, viene risucchiato e prende il posto che gli compete: alle mie spalle! Gli incitamenti del pubblico non mancano. Tra i sostenitori, due meravigliosi esemplari di femmina: Lara e Roberta. La prima - ormai onnipresente col suo Gian -aveva appena terminato un 5000 donne, reso –con la sua partecipazione- particolarmente stuzzicante . Si era fatta apprezzare per il suo stile di corsa, in modo particolare nelle “curve”. Nel rettilineo risaltava invece il suo abbigliamento color confetto, che le conferiva un aspetto simile a quello di una soffice focaccina, farcita di prelibatezze. La sua carnagione ambrata le donava infine quel senso di doratura croccante che la rendeva pronta al morso. La seconda, Roberta Locatelli , oltre che mamma di due splendide bimbe, un marito così così, è bella, posata ed intelligente. Si stenta a credere che quel Luca Locatelli sia il fratello. A 4 giri dal termine lancio l’attacco all’Ermanno Rota, che riesco a superare e distaccare abbastanza agevolmente. Non vedo il tempo ma sono parecchio affaticato e l’atleta che mi precede- Togni R.- ha troppo vantaggio. Non me la sento di sferrare ulteriori attacchi. Tengo abbastanza bene fino alla fine e concludo con un ultimo giro in progressione. La batteria è vinta da Abramo Gazzaniga in 17.08. Io, mi tolgo la soddisfazione di aver preceduto per la prima volta al traguardo l’Ermanno Rota , di aver ristabilito i ruoli con il Bordogna e di essermi classificato 2° assoluto nella cat.MM45 in 18.02.      Crema