• home • fò di pe • gare • classifiche • fotorisultati • allenamenti •

GARE DAL 23 AL 29 GIUGNO 2012

In questa sezione libera, si inseriscono solo commenti personali. Inviare resoconto a info@fodipe.it
23/06/2012 
Quattropassi in Franciacorta - Camignone - BS
Paolo Omicini e Maria Lo Grasso
classifica completa             

Grande momento per Maria, fò di pe, che dopo il dominio al Fosso Bergamasco e le vittorie a Cantu e Cinisello, coglie un altro successo nella mezza di Camignone. La Quattropassi in Franciacorta la vede al primo posto in 1h23'45'' con l'altra Bergamasca Silvia Moreni al secondo posto in 1h24'39''.  

24/06/2012 
Cancervo Venturosa Skyrace - S.Giovanni Bianco - BG
Dennis Brunod e Cinzia Bertasa
 

Nonostante la domenica calda e un po’ afosa prevedesse un programma di gare molto nutrito ben 107 atleti, tra i quali nomi di grande rilievo, hanno tagliato il traguardo di questa bella e impegnativa gara che con i suoi 24 Km e 1800 mt. di dislivello positivo rappresenta uno degli appuntamenti classici sulle Orobie; ed è stato proprio il Gs Orobie a garantire un’ ottima ed efficace organizzazione. Partenza e arrivo dal campo sportivo di S.Giovanni Bianco ( 450 mt. ) e su senza respiro fino alla vetta della prima asperità, il Cancervo con i suoi 1850 mt. raggiunti dopo alcuni passaggi tecnici e affascinanti. Circa 250 mt. di ripida discesa e di nuovo naso all’ insù fino alla vetta del Venturosa che con i suoi 1.950 mt. era la cima Coppi della giornata. A questo punto una interminabile discesa, la cui prima parte molto tecnica ha portato gli atleti fino all’ arrivo con il transito dal vecchio borgo dei Tasso. In campo maschile il valdostano Brunod ha ingaggiato un lungo duello con il rappresentante della Recastello Rolando Piana che anche poco prima dell’ arrivo era riuscito per l’ ennesima volta a riacciuffarlo, ma nell’ ultimo tratto la maggior freschezza di Dennis, che ha passato in testa anche la vetta del Venturosa, ha avuto la meglio. Alle loro spalle l’ atleta di casa Faverio li ha sempre tenuti nel mirino ma l’ aggancio non è riuscito. Credo doveroso segnalare il 10° posto di Antonio Baroni che dall’ alto dei suoi 60 anni da polvere ancora a molti giovanotti. Così quindi all’ arrivo : 1° Brunod Dennis , Pol. Mont Avici in 2.15.31 2° Piana Rolando, Recastello in 2.15.55 3° Faverio Riccardo, GS Orobie in 2.17.34 4° Collè Franco, Pol. S.Orso in 2.25.03 5° Bellati Carlo, AS Premana in 2.27.51. Per i fò di pe ottimo il 13° posto di Comprabene in 2.43.01 poi a seguire Goodyear 53° 3.17.17, Vetta 64° 3.24.40, Soldatino 68° in 3.26.59 e Coscia 88° in 3.47.02.  Per la Valetudo 9° Castelli Angelo ,10° Baroni Antonio , 35° Cordoni Luca, 44° Acerbis Stefano , 57° Rottoli Giacomo. Nella gara femminile pronostico alquanto difficile in partenza anche se dopo pochi minuti si è subito capito che la partita si giocava tra Bertasa, Scotti , Tiraboschi e Cavalli. Già dopo i primi 300 mt. di dislivello però Ester e Cinzia avevano fatto un po’ di vuoto e in quest’ordine e distanziate da meno di un minuto sono passate su entrambi i GPM . Carolina non era molto distante ma a un certo punto ha dovuto puntare a difendere il podio dal possibile rientro della vincitrice della ResegUp. Sulla lunga discesa Ester ha tenuto il più possibile ma prima del passaggio dal Tasso ha dovuto lasciare strada a una più fresca Cinzia. Le top five quindi : 1° Bertasa Cinzia , IZ Sky Race in 2.51.09 ( 22° assoluta ) 2° Scotti Ester , Valetudo in 2.55.15 ( 24° assoluta ) 3° Tiraboschi Carolina , Fly Up in 3.03.25 4° Cavalli Giovanna , Runners Bergamo in 3.05.07 5° Mangili Sara , Atl. Presezzo in 3.27.16 Un plauso va sicuramente agli organizzatori per una ricca ma equilibrata premiazione ( 15 uomini + 5 donne + categorie ) completata da numerosi premi ad estrazione.  Giacomo Rottoli

24/06/2012 
Biella Monte Camino - Biella
Bel risultato di Sigi
 

Visto la bella giornata decido di raggiungere Biella in moto,anche perché sono solo, gli altri 2 componenti del trio medusa si sono defilati da questa faticaccia. Arrivato capisco subito che l’organizzazione è molto casalinga visto che il ritiro dei pettorali viene fatto nel parcheggio a fianco della partenza. Alla fine però mi devo ricredere perché quest’ultima è stata ottima con molti ristori(quasi tutti con coca cola che è merce rara nelle corse !!!)e quello finale a 2400 metri di altitudine con panini vari sangria e svariati dolci Pronti via e come capita a volte parto troppo forte e alla prima salita vera che troviamo dopo aver passato la bella riserva naturale Burcina sono già in affanno,allora mollo il treno che stavo seguendo e ritrovo il passo solo dopo il 10km.Mano a mano che si sale la calura e l’afa,con il sole che si vede a sprazzi, lasciano il posto ad un aria più respirabile e fresca fino a quando arriviamo al rifugio Savoia.Da li in poi solo una forte nebbia che copre il panorama,gli ultimi 3 km sono parecchio duri e la mia precaria forma inizia a farsi sentire. Chiudo con 3 ore e 8 minuti e circa la trentesima posizione e la convinzione di voler ritornare. Comodo il rientro prima in bidovia poi in seggiovia fino a Oropa e per finire col pulmino dell’ organizzazione Ps i 2100 metri di dislivello sono molto ottimistici,il garmin dice che sono 2360 circa.    Sigi