• home • f di pe • gare • classifiche • fotorisultati • allenamenti •

LA  FORZA  DI  DECIDERE

Domenica 02 Agosto, due eventi internazionali legati alla montagna subiscono le intemperie del tempo e costringono gli organizzatori a scegliere percorsi alternativi per salvaguardare i concorrenti. La Orobie Skyraid e la Chaberton Skymarathon si possono vantare di avere persone competenti, che in frangenti difficili hanno avuto il coraggio di decidere, non per lo spettacolo ma per gli atleti. A Valcanale la bufera arrivata di prima mattina, alla Chaberton a gara iniziata e non sempre si ha il coraggio di dire basta, di variare, di cambiare. Io ero in gara alla skymarathon Italo-Francese e sotto la bufera, con il vento gelido e i fulmini che squarciavano la montagna, avevo il mio bel daffare nel tener calde le mani che andavano verso il congelamento, ero bagnato ed infreddolito e speravo che non ci facessero salire in vetta, oltre i 3100 metri. Tanti erano alle prese con sintomi di freddo, l'attuale leader mondiale femminile, Emanuela Brizio, in crisi profonda ha rischiato l'ipotermia, cio l'abbassamento della temperatura corporea. Al valico, 2400 mt., c'era l'organizzatore in persona che ci ha fatto rientrare a Claviere ed inoltre annunciava che la gara sarebbe terminata quando avevamo percorso non pi di 18 km. E si trattava di una gara Trail Mondiale, valevole per la classifica iridata Skyrunning, con presenti alcuni dei pi forti interpreti del momento. Alla Orobie Skyraid non si nemmeno partiti, ci si spostati tutti a Castione della Presolana e si inventata una frazione anomala per assegnare comunque i titoli in palio. Anche qui, si parlava di Titolo Italiano per team e assegnazione trofeo Parco delle Orobie. Approvo totalmente l'operato dei comitati organizzatori e spero che in futuro l'esempio possa servire ad altri per decidere, per salvaguardare e rispettare.                                                 forvezeta