• home • fò di pe • gare • classifiche • fotorisultati • allenamenti •

giro  di  Selvino  di  notte  in  prospettiva  passatore

 galleria foto            percorso

Venerdì 09 maggio alle 23,30, si parte dalla sede a Valbrembo, con itinerario " giro di Selvino ". E' l'ultimo lungo in prospettiva 100 km del passatore ed è appuntamento fisso nel mese di Maggio per i fò di pe. Mi presento abbastanza trafelato dopo aver assistito all'esordio del Fosso a Semonte, sacrificando la cena in cambio di un solo un panino. Poco male, ho preso degli integratori e delle barrette energetiche e non dovrei rimanere sul percorso stecchito. Siamo in sette: Tuono, Vengo, Velo, Gigione, Forvezeta, Quattroprimi e Matteo dei Runners Bergamo. Ci accompagnano in macchina, Ilenia ed il papà di Matteo che scatterà anche qualche foto. Saliamo in città alta passando dai torni, sbuchiamo alla Marianna e giù dalle mura verso l'accademia Carrara e Borgo S. Caterina. Siamo abbastanza casinisti, chi ci vede ci saluta e ci incita e noi naturalmente non perdiamo occasione per trasformare il tutto in caciara. Ritmo abbastanza lento che ci porta a Nembro in 1h 50' ( 18 km ). Quattroprimi finisce il suo allenamento e subentra Vetta, ci dissetiamo ed iniziamo a salire verso Selvino avvolti dal buio della montagna. La serata è fantastica, il clima è ideale, non fa freddo e teniamo canotta e maglietta. Si domina la vallata e si vedono in lontananza i riflessi dei paesi illuminati e sopra di noi le stelle. Arriviamo a Selvino allo scadere delle tre ore ( 28 km ) e ci permettiamo una sosta più lunga per il cambio indimenti e ci alimentiamo con biscotti e barrette. Vetta ci saluta e si fa riaccompagnare in macchina da Quattroprimi fino a Nembro. Si riparte e le sensazioni sono buone, si attraversa il paese ed incontriamo ancora le stesse facce dello scorso anno,...sembra quasi che il tempo si sia fermato. Inizia la discesa e controlliamo il ritmo per non imballarci. Ora le macchine sono molto rare ed il buio è ancora più intenso, dopo Rigosa aumentiamo il ritmo e subito dopo Bracca passiamo la maratona in 4h 23'. Ultimi ristori ad Ambria e Zogno  e poi taglio verso Ubbiale per ridiscendere da Clanezzo. Il tratto è suggestivo ma i continui saliscendi mettono a dura prova i muscoli che però sono ancora tonici e permettono anche variazioni di ritmo inaspettati. Alla 6^ ora siamo ad Almenno e resta l'ultima salita ( linificio ) che comunque affrontiamo bene e giù verso Sombreno. Parte finale con notevole progressione, faccio coppia con Matteo su ritmi di 4h 10' / 4h 15'' fino a quando sopraggiungono Velo e Vengo che allungano poderosamente ed arrivano alla palestra con un piccolo vantaggio. Finiamo in 6h 24' per un totale di 62,050 km. Tutti siamo contenti, abbiam corso bene e la progressione finale è stata inaspettata ma è servita a sistemare i muscoli. Foto ultima di gruppo, doccia salutare in palestra, acqua e birra prelevata dalla sede per dissetarci. Salutiamo e ringraziamo Quattroprimi, Ilenia e papà di Matteo per averci fatto assistenza, un bravo a Matteo che per la prima volta ha affrontato simil distanza, dimostrando che il motore è in grado di fare tanto. Finiamo al bar, sono le 6,30, birre e patatine come antipasto, brioche e caffè come conclusione. Ci salutiamo ed una volta a casa scarico la posta elettronica, c'è la classifica del fosso ed allora vai con il sito.                              forvezeta